Alberto Sordi Archivio - Roma Sparita | Storia e Cultura Alberto Sordi Archivio - Roma Sparita | Storia e Cultura

Tagged: Alberto Sordi

0

Te c’hanno mai mannato a quer paese…

Me sarò chiesto cento, mille volte
Io che nun so né re né imperatore
Che ho fatto pe’ trovamme stà reggina
Ner letto, fra le braccia, in fonno ar còre
E datosi che sei così prezziosa
Stasera io te vojo dì ‘na cosa
Te c’hanno mai mannato a quer paese
Sapessi quanta ggente che ce stà
Er primo cittadino è amico mio
Tu dije che te c’ho mannato io
E và, e và
Va avanti tu che adesso c’ho da fa’
Sarai la mia metà ma si nun parti
Diventi n’artro pò la mia tre quarti
E và, e và
Nun pòi sapè er piacere che me fa
Magari qualche amico te consola
Così tu fai la scarpa e lui te sòla
Io te ce manno sola
Io te ce manno sola
Sola senza de me
Già che ce so’ me levo st’artro peso
Cò te che fai er capoccia e stai più su
Te sei allegrato troppo, senti, a coso
Mica t’offendi si te dò der tu
Te c’hanno mai mannato a quer paese
Sapessi quanta ggente che ce stà
A te te danno la medaja doro
E noi te ce mannamo tutti in coro
E và, e và
Chi và co’ la corente è ‘n baccalà
Io so’ sarmone e nun me frega gnente
A me me piace annà contro corente
E và, e và
Che più sei grosso e più ce devi annà
E t’aritroverai ner posto ggiusto
E prima o poi vedrai che provi gusto
Solo scherzanno gusto
Solo cantanno gusto
Solo a scherzà pardon
Ma quanno la matina sto allo specchio
C’è ‘n fatto che me butta giù er morale
Io m’aritrovo sempre ar gabinetto
E m’aricanto addosso stò finale
Te c’hanno mai mannato a quer paese
Sapessi quanta ggente che ce stà
Così che m’encoraggio e me consolo
Cor fatto de mannammece da solo
E và, e và
Che si ce devi annà, ce devi annà
Tanto si t’annisconni dietro a ‘n vetro
‘Na mano c’hai davanti e n’artra dietro
E và, e và
È inutile che stamo a litigà
Tenemose abbracciati stretti stretti
Che tanto prima o poi c’annamo tutti
A quer paese tutti,
A quer paese tutti,
A quer paese tutti,
Ma tu che fai nun venghi
Chi è ahò? E come nun vengo
A quer paese tutti,
A quer paese tutti,
A quer paese tutti,
A quer paese là

Alberto Sordi 23

L’indolenza

“E’ più l’aria di chi ne ha viste tante. L’indolenza è una filosofia che raccomando a tutti: oggi il cittadino romano non esiste più, siamo presi da una vita convulsa, tutti vanno di fretta. A Roma un tempo, se uno passava di corsa, lo prendevano, lo sbattevano contro una porta e gli dicevano: «’Ndo’ scappi?». Perché a Roma, se correvi come un matto, poteva voler dire solo che scappavi. Ma l’indolenza era anche un aspetto della voglia di ragionare sulle cose, di non accettare in maniera ottusa, di non seguire le mode. Oggi non riflettiamo più sulle nostre azioni, trasgrediamo o commettiamo delle crudeltà anche per mancanza di riflessione. Una volta anche solo il fatto di andare a piedi, di salutarsi, di sentirsi parte di una società, aiutava ad essere più umani.”

Alberto Sordi

2

Carnevale romano

Del romano patriziato
gentiluomo popolar
per le vie sono ammirato
dalla folla al mio passar!

Dicon tutti che son strano…
sento molti a mormorar…
sol il buon popolo romano
mi vuol bene e lascia far!

Spesse volte la mia mente
burle atroci sa trovar…
sol pero’ per quella gente
che e’ un dover il castigar!

Se i costumi son corrotti
so la satira adoperar
che alla volta a bestie e a dotti
puo’ la schiena raddrizzar!