Canzoni Archivio - Roma Sparita | Storia e Cultura

Category: Canzoni

0

Che bello sta’ co’ te

Che bello sta’ co’ te,
me sembra de vola’,
che bello quanno attero
e tu sei qua.
Sta vita nun c’è più
er monno è un po’ più in là,
se senti un botto nun te preoccupa’:

So’ io
che ho preso in pieno in faccia er celo,
so’ io
che so’ caduto da un pensiero,
so’ io
che ‘n ce speravo quasi più
e un giorno all’improvviso…

…Che bello sta’ co’ te,
me sembra de sogna’,
me pare bella pure ‘sta realtà.
C’ho voglia de scherza’, de ride e de penza’,
e poi domani forse chi lo sa.

Nun dimo niente ‘n famose senti’,
che oggi so’ felice nun se po’ di’.
Cammina sulle punte, amore mio,
che oggi er celo è nostro,
me l’ha prestato Dio.

Lo vedi, se ne va,
‘sto giorno se ne va,
è n’artra vorta sera, che vuoi fa.

Io so’ rimasto solo co’ ‘n pensiero,
m’ha preso proprio in pieno e in faccia er cielo.
Eppure se non stai più qui con me
stanotte me te ‘nzogno,
che bello sta’ co’ te!

Nino Manfredi 1983

0

La panzanella

È una canzone stupida,
senza senso.
Anzi col doppio senso,
che è pure peggio.
Dice: “Ma allora che la canti a fà”?
Così. Perché si.
Perchè me so’ stancato
de st’impegnato, programmato,
condizionato dal significato indurcinato
che va scavato, spiegato, psicanalizzato.
Me so’ stufato.
Mo convie’ canta’.
Poichè l’estate c’è
anche per me che resto qui
a casa mia,
embe’, che male c’è se sveglio il gatto
e invito Nella a farmi un po’
di compagnia.

Ah, la Panzanella,
Panzanella, nella, ne…

Così aspetto che
insieme al fresco salga su
il mio tesoro.
Ma si, che male c’è
se Nella prende il pane e l’olio
e fa su e giù col pomodoro.
Se gli altri
vanno al mare
a Santa Marinella,
mbe’, Nella sta qui,
le faccio fa’
la Panzanella.
Na sera non poteva
e venne la sorella.
Mbe’, ao’, que è!
L’ho messa lì,
io’ fatto fa’
la Panzanella.

Ah, la Panzanella,
Panzanella, nella, ne…

Bona, anche la sorella
fa una buona Panzanella.
Ah, la Panzanella,
Panzanella, nella, ne…
Poichè la luna c’è
e s’è fermata proprio qui
sul mio balcone,
embe’, che male c’è
se mentre aspetto que vie’ Nella
gioco un po’ col mio micione.
C’ho un gatto
che é una bellezza!

Ah, la Panzanella,
Panzanella, nella, ne…

No perchè è il mio,
ma appena lo vedi te innamori, eh!

Ah, la Panzanella,
Panzanella, nella, ne…

Ah! C’ha pure la coda!
A Ne’, embe’ que è,
m’hai detto statte bono che
mo te ristoro,
a Ne’, mbe’, com’è
che il pane resta tutto a me
e in mano a te c’è il pomodoro.
Se gli altri
vanno al mare
a Santa Marinella,
mbe’, oh, Nella sta qui,
le faccio fa’
la Panzanella.
Na sera non poteva
e venne la sorella.
Embe’, hm!
L’ho messa lì,
io’ fatto fa’
na Panzanella.
Ma quando l’ha saputo
s’è arrabbiata Nella.
E mo’
che posso fa’,
me fo’ da me
la Panzanella

Ah, la Panzanella,
Panzanella, nella, ne…

Beh, certo, da soli
è un’altra cosa.

Ah, la Panzanella,
Panzanella, nella, ne…

Quando c’è Nella
è più bona la Panzanella.

Ah, la Panzanella,
Panzanella, nella, ne…

Ma che,
me volete di
come se fa la Panzanella?
L’ho inventata io!
Ve saluto.
Ciao!

Ah, la Panzanella,
Panzanella, nella, ne…

0

Roma

Che bello respirarti.
Difenderti, servirti.
E ringraziamo il cielo che ci sei…
Che ancora sai stupirci.
Sei fragile ed eterna.
sei umile e superba.
con tutti i figli generosa sei.
Identica passione.
Giuro non ti lascero’ sola.
Non temere cara, avro’ cura di te. Sono certo, tornerai fiera.
Senza te, che vita è?
Non sarebbe mondo senza te.
Roma, Roma…
Noi si.
Io rivojo er pincio e purcinella.
Quell’infanzia, chi l’ha vista piu’?
Ancora un altro giro in carozzella.
Come sei bella…resta così.
Dimme che nun te sei rassegnata,
Parla ancora dritta ar core mio.
Sessant’anni che te moro dietro.
Nun è un segreto s’amore mio.
Fatte riempì de baci e de carezze.
Che qui la vita è nsoffio…e tu lo sai.
A sta’ vicini er freddo nun se sente.
Strigneme forte, nun te ferma’.
Un popolo d’artisti e de poeti.
Qualunque cosa pur de nun morì!
Semo puri, sinceri e cristallini.

Renato Zero 2010

0

Vecchia Roma

Oggi er modernismo
der novecentismo
rinnovanno tutto va,
e l’usanze antiche e semplici
so’ ricordi che sparischeno.
E tu Roma mia
senza nostargia
segui la modernità,
fai la progressista, l’universalista,
dici okey, hallo, thank you, ja ja.
Vecchia Roma
sotto la luna
nun canti più
li stornelli,
le serenate de gioventù.
Er progresso
t’ha fatta grande
ma sta città,
nun è quella
‘ndo se viveva tant’anni fa.
Più nun vanno
l’innamorati
per Lungo Tevere,
a rubasse li baci a mille
sotto all’arberi.
E li sogni
sognati all’ombra
d’un cielo blù,
so’ ricordi der tempo bello
che nun c’è più.
Mo le regazzette
con le polacchette
certo nun le vedi più.
Gli abiti scollati porteno
controluce trasparischeno.
Senza complementi,
nei caffè le senti
de politica parlar,
vanno a ogni comizio, chiedono il divorzio
mentre a casa se stà a digiunar.
Più nun vanno
l’innamorati
per Lungo Tevere,
a rubasse li baci a mille
sotto all’arberi.
E li sogni
sognati all’ombra
d’un cielo blù,
so’ ricordi der tempo bello
che nun c’è più

Claudio Villa 1948

0

Pè lungotevere

Quanno c’è ‘r sole cò quer manto d’oro
pè tutto Lungotevere è ‘na festa!
Li regazzini giocheno tra loro
le madri se li stanno a rimirà
quanta tranquillità! Ma ammalappena
spunta la prima stella: se cambia scena.
Lì sotto l’arberi de Lungotevere
le coppie fileno li baci scrocchieno…
si nun sei pratico de regge moccoli
pè Lungotevere nun ce passà!
Io m’aricordo sempre a San Lumino
cò li lampioni a gasse de ‘na vorta
se dava quarche sordo a ‘n regazzino
de corsa te l’annavaveno a smorzà
mò quelli posti poco illuminati
de prima sera già sò accaparati!
Lì sotto l’arberi de Lungotevere
le coppie fileno li baci scrocchieno…
si nun sei pratico de regge moccoli
pè Lungotevere nun ce passà!
Lì sotto l’arberi de Lungotevere
le coppie fileno li baci scrocchieno…

Gabriella Ferri (Roma, 18 settembre 1942 – Corchiano, 3 aprile 2004)
Anno 1973

1

Fiori trasteverini

De li giardini semo li mughetti
Semo romani e ‘n più trasteverini
No pe’ vantasse semo li più perfetti
Cantamo tutti e semo ballerini
Se dice gente allegra Dio l’aiuta
Noi semo allegri e voi sapé perché
Ogni tanto ‘na mangata e ‘na bevuta
E tutto quanot er rest viè da se .
Semo romani, trasteverini
Semo signori senza quatrini
Ma er còre nostro è ‘na capanna
Còre sincero che nun t’inganna
Se stai in bolletta noi t’aiutamo
Però da ricchi nun ce passamo
Noi semo magnatori de spaghetti
Delle trasteverine li galletti.
Famo li pranzi mejio de Nerone
Bevemio er vino co’ la coccolina
‘N’abbacchio in quattro credi va benone
E pe’ antipasto ognuno ‘na gallina
‘Na ciumachella che te brilla er còre
Che te vò bene e non te sa sa mentì
‘Na serenata che sussura amore
Me di chi amoco dove voi morì.
Le milanesi con le toscane
Se impareranno a parlà romano
E se diranno: viè su Marietta,
S’annamo a beve ‘n’antra foglietta.
La veneziana, ch’è fumantina,
La chiameremo cor nome Nina,
E le baresi e le napoletane
Lassatele passà che so’ romane!
Roma bella, Roma mia,
Te se vònno portà via
Er Colosseo co’ Sampietro,
Già lo stanno a contrattà
Qui se vònno venne tutto
Cielo sole e ‘st’aria fresca
Ma la fava romanesca
Gliela potemo arigalàù.
Venite tutti a Roma v’aspettamo
Se dice che più semo e meglio stamo.
Se dice che più semo e meglio stamo

Autore anonimo del XVIII secolo
Cantata da Romolo Balzani, Gabriella Ferri, Alvaro Amici, Lando Fiorini
Dipinto di Wilhelm Marstrand, 1853