Canzoni Archivio - Roma Sparita | Storia e Cultura

Category: Canzoni

0

M’è nata all’improvviso una canzone

Ma in fonno a che te serve ‘na canzone
te serve la matina pe’ comincià a campà
e come quanno metti er rosmarino
sopra l’abbacchio ar forno pe’ fattelo aggustà
te pare gnente ma a cantà d’amore
tutta la vita pija più sapore

E nasce all’improvviso ‘na canzone
fiorisce sulla bocca come un fiore
te senti un pò tenore e un pò poeta
e nun te accorgi quanto sei stonato

So’ queste le dorcezze della vita
che manco t’arivorti è gia finita
è tanto poco quello che ce da
e allora è mejo a mettese a cantà
e allora è mejo a mettese a cantà

Lasciate che ve nasca ‘na canzone
fiorita sulla bocca come un fiore
tutti tenori, e tutti gran poeti
e che ve ‘mporta d’esse ‘n pò stonati

So’ queste le dorcezze della vita
che manco t’arivorti e è gia finita
E’ tanto poco quello che ce da
e allora è mejo a mettese a cantà
E allora, su, mettemese a cantà

Ra-ra-ra-ra-ra-ra-ra-ra-ra-raaa
Ra-ra-ra-ra-ra-ra-ra-ra-ra-raaa

Tutti tenori, tutti gran poeti
ma che ve ‘mporta d’esse ‘n pò stonati
so’ queste le dorcezze della vita
che manco t’arivorti e è gia finita

E’ tanto poco quello che ce da
e allora è mejo a mettese a cantà
e allora, su, mettemese a cantà

Ra-ra-ra-ra-ra-ra-ra-ra-ra-raaa
Ra-ra-ra-ra-ra-ra-ra-ra-ra-raaa…

0

Me ‘nnamoro de te

Aoh, che c’e, nessuno te conosce come me…
Ho già capito tutto, da quanno t’hanno detto che so’ matto
C’hai paura de qualche mia pazzia, magari che de botto vada via
Ma all’età mia, ‘ndo vado?
Io so’ ‘n guerriero che sta riposanno
Dopo che ha rivortato mezzo monno
Ma ormai c’ho er doppio petto e la cravatta
‘Ndo voi che vada viè, nun fa la matta.
Tu ormai pe’ me sei l’ultima occasione
Sei giovane; sei bella e me stai bene
Te pare poco dì, te pare poco, nun devi ave’paura io nun gioco
Io qui sto rilassato e chi se move
Fori fa pure freddo e come piove…
Me ‘nnamoro de te se no che vita è
Lo faccio ‘n po’ pe’ rabbia, un po’ pe’ nun sta solo
Come sta solo ‘n omo nella nebbia
Perché nun po’ parla’ manco cor cielo…
Me ‘nnamoro de te lo devo fa’ pe’ me
Me serve ‘n’ emozione come me serve er pane
‘Sta vorta ce la vojo mette’ tutta
Me devo ‘nnammora’ vado de fretta…
Me ‘nnamoro de te se no che vita è
Sei l’urtima rimasta devi esse’ quella giusta
Senza sforzamme già te vojo bene
Spero che duri ‘n po’ de settimane…
Io qui sto rilassato e chi se move
Fori fa’ pure freddo e come piove…

0

Quanto sei bella Roma

Quanto sei bella Roma, quanto sei bella Roma a prima sera,
Er Tevere te serve, er Tevere te serve da cintura.
San Pietro e er Campidojo da lettiera.
Quanto sei bella Roma, quanto sei bella Roma a prima sera.

Gira se la voi gira’, canta se la voi canta’.

Trastevere da quanno, Trastevere da quanno t’ho lasciato,
c’avevo in petto er core, c’avevo in petto er core e l’ho perduto.
Dimmelo bello si l’hai ritrovato,
Trastevere da quanno, Trastevere da quanno t’ho lasciato.

Gira se la voi gira’, canta se la voi canta’.

De qua e de la dar fiume, de qua e de la dar fiume c’e’ ‘na stella,
E tu non poi guardalla, e tu non poi guardalla tanto brilla.
E questa è Roma mia, Roma mia bella,
De qua e de la dar fiume, de qua e de la dar fiume c’e’ ‘na stella.

Gira se la voi gira’, canta se la voi canta’.

Bella casetta mia, bella casetta mia trasteverina,
Te gira intorno er fiume, te gira intorno er fiume e te incorona,
E tutta ‘n’arberata te se inchina,
Bella casetta mia, bella casetta mia trasteverina.

Gira se la voi gira’, canta se la voi canta’.

Roma che la piu’ bella, Roma che la piu’ bella sei der monno,
Io penso sto’ stornello, io penso sto’ stornello e te lo manno.
Tu me parli d’amore io t’arrisponno,
Roma che la piu’ bella, Roma che la piu’ bella sei der monno.

Gira se la voi gira’, canta se la voi canta’.

0

Quante n’avemo viste

Quante n’avemo viste
E chissà quante ancora ne vedremo
Ma pe fortuna noi se ne fregamo
Ma pe fortuna noi se ne fregamo

A noi c’hanno insegnato
Che chi s’empiccia vo’ restà impicciato
Capace puro che, more ammazzato
Capace puro che, more ammazzato

Da quando esiste la tera
L’omo va avanti a singhiozzi
Quanno non po fa na guera
Cerca de fa er monno a tozzi

Nun ce sta più na farfalla
L’aria via via se corompe
Er monno è l’ultima palla
Che je rimasta da rompe

L’aria de Roma nostra
è un misto de scirocco e ponentino
Che t’accarezza er core piano piano
Che t’accarezza er core piano piano

Quanno l’accarezzato
Er core te diventa indiferente
E allora non te frega più de niente
E allora non te frega più de niente

Da quando esiste la tera
L’omo va avanti a singhiozzi
Quanno non po fa na guera
Cerca de fa er monno a tozzi

Nun ce sta più na farfalla
L’aria via via se corompe
Er monno è l’ultima palla
Che je rimasta da rompe

Nun ce sta più na farfalla
L’aria via via se corompe
Er monno è l’ultima palla
Che je rimasta da rompe

0

Bella quanno te fece mamma tua

Bella quanno te fece mamma tua
Pare che stiede ‘n anno a ginocchione
Eppoi se mise l’angeli a pregane
Bella t’avesse fatto com’er sole
Poi te mannò da Cupido a imparane
E l’imparassi li versi d’amore
E quanno cominciassi a compitane
Venissi o bella e m’arubbassi er core

0

La Crisi secondo er Sor Capanna

La Crisi secondo er Sor Capanna (fine ‘800)

Sentite che vve dice er sor Capanna
ch’er millenovecento s’avvicina:
ritorneremo ai tempi della manna,
a uffa ce daranno la farina.
Ma speramo ar novocento,
fenirà questo tormento
con bon lavoro,
rifiorirà ‘sto secolo dell’oro.

Ma ggià asso ventottenni che godemo,
che stiamo tra li beni e la ricchezza;
la libertà gni giorno la vedemo,
m’addosso semo pieni de monnezza.
Se nun gira questa rota
la saccoccia è sempre vota;
e co quest’uso
se seccheno le gamme e appizzi er muso.

E cor progresso che ciavemo adesso,
le crespe l’emo fatte su la panza,
ciavemo li colori com’er gesso:
e questo è ppe virtù dell’abbondanza.
Ogni passo sbajavamo
perché noi poco magnamo;
certi momenti
l’anima la reggemo co li denti.

E mentre noi ciavemo st’abbondanza,
cia fatto sul cammino er vellutello;
la pila nun se scotta più la panza,
e nun s’addopra più lo sgommarello.
La padella stà all’oste,
che ce fa le callaroste,
la scolabrodo
ha fatto presa ar muro cor un chiodo.

E li tegami poi se so ammuffiti,
nun se posso addoprà pè cristallina;
e li cucchiari se sò ruzzoniti,
li piatti cianno fatto la rasina.
E ppoi sopra ar tavolino,
c’emo fatto l’artarino;
ner tiratore,
li sorci ce se sentono discore.

Le molle e la paletta co lo spito,
emo vennuto tutto a robbivecchio,
a prezzo de ferraccio arruzzonito,
a noi nun c’è rimasto antro ch’er secchio.
La battilonta cor cortello
nu’ lo fanno più er duello:
per’ er callaro,
a la cucchiara ha dato er piantinaro.

Er secchio è sempre pieno d’acqua fresca.
In quarche casa c’è la funtanella,
pe nun stà asciutti in corpo come lesca,
gni tanto se sciacquamo le budella;
e la panza se gonfiamo
co sta cura che noi famo;
er zì peppone,
l’avemo chiuso dentro ar credenzine.

In oggi se va avanti co l’imbroji;
si tte vò regge impiede, pe crillaccia,
te tocca a ssegnà buffi su li foji,
ma devi trovà pure chi li faccia.
Si vai ar forno a pijà er pane
te domanna: «poi pagane?»
con a ruganza,
accidentaccio a tutta st’abbondanza.

Volete un bel conzijo, cara gente,
un bè rimedio pe pagà li buffi:
chi ve li chiede nun je date gnente
menate bastonate su li luffi.
Speciarmente all’esattore,
lo pagate cor tortore;
all’osti puro,
bevete sempre eppoi segnate ar muro.

Dipinto del 1853 di Nicolai Wilhelm Marstrand

0

Che bello sta’ co’ te

Che bello sta’ co’ te,
me sembra de vola’,
che bello quanno attero
e tu sei qua.
Sta vita nun c’è più
er monno è un po’ più in là,
se senti un botto nun te preoccupa’:

So’ io
che ho preso in pieno in faccia er celo,
so’ io
che so’ caduto da un pensiero,
so’ io
che ‘n ce speravo quasi più
e un giorno all’improvviso…

…Che bello sta’ co’ te,
me sembra de sogna’,
me pare bella pure ‘sta realtà.
C’ho voglia de scherza’, de ride e de penza’,
e poi domani forse chi lo sa.

Nun dimo niente ‘n famose senti’,
che oggi so’ felice nun se po’ di’.
Cammina sulle punte, amore mio,
che oggi er celo è nostro,
me l’ha prestato Dio.

Lo vedi, se ne va,
‘sto giorno se ne va,
è n’artra vorta sera, che vuoi fa.

Io so’ rimasto solo co’ ‘n pensiero,
m’ha preso proprio in pieno e in faccia er cielo.
Eppure se non stai più qui con me
stanotte me te ‘nzogno,
che bello sta’ co’ te!

Nino Manfredi 1983

0

La panzanella

È una canzone stupida,
senza senso.
Anzi col doppio senso,
che è pure peggio.
Dice: “Ma allora che la canti a fà”?
Così. Perché si.
Perchè me so’ stancato
de st’impegnato, programmato,
condizionato dal significato indurcinato
che va scavato, spiegato, psicanalizzato.
Me so’ stufato.
Mo convie’ canta’.
Poichè l’estate c’è
anche per me che resto qui
a casa mia,
embe’, che male c’è se sveglio il gatto
e invito Nella a farmi un po’
di compagnia.

Ah, la Panzanella,
Panzanella, nella, ne…

Così aspetto che
insieme al fresco salga su
il mio tesoro.
Ma si, che male c’è
se Nella prende il pane e l’olio
e fa su e giù col pomodoro.
Se gli altri
vanno al mare
a Santa Marinella,
mbe’, Nella sta qui,
le faccio fa’
la Panzanella.
Na sera non poteva
e venne la sorella.
Mbe’, ao’, que è!
L’ho messa lì,
io’ fatto fa’
la Panzanella.

Ah, la Panzanella,
Panzanella, nella, ne…

Bona, anche la sorella
fa una buona Panzanella.
Ah, la Panzanella,
Panzanella, nella, ne…
Poichè la luna c’è
e s’è fermata proprio qui
sul mio balcone,
embe’, che male c’è
se mentre aspetto que vie’ Nella
gioco un po’ col mio micione.
C’ho un gatto
che é una bellezza!

Ah, la Panzanella,
Panzanella, nella, ne…
No perchè è il mio,
ma appena lo vedi te innamori, eh!
Ah, la Panzanella,
Panzanella, nella, ne…

Ah! C’ha pure la coda!
A Ne’, embe’ que è,
m’hai detto statte bono che
mo te ristoro,
a Ne’, mbe’, com’è
che il pane resta tutto a me
e in mano a te c’è il pomodoro.
Se gli altri
vanno al mare
a Santa Marinella,
mbe’, oh, Nella sta qui,
le faccio fa’
la Panzanella.
Na sera non poteva
e venne la sorella.
Embe’, hm!
L’ho messa lì,
io’ fatto fa’
na Panzanella.
Ma quando l’ha saputo
s’è arrabbiata Nella.
E mo’
che posso fa’,
me fo’ da me
la Panzanella

Ah, la Panzanella,
Panzanella, nella, ne…
Beh, certo, da soli
è un’altra cosa.
Ah, la Panzanella,
Panzanella, nella, ne…

Quando c’è Nella
è più bona la Panzanella.
Ah, la Panzanella,
Panzanella, nella, ne…

Ma che,
me volete di
come se fa la Panzanella?
L’ho inventata io!
Ve saluto.
Ciao!

Ah, la Panzanella,
Panzanella, nella, ne…

Nino Manfredi 1979

0

Roma

Che bello respirarti.
Difenderti, servirti.
E ringraziamo il cielo che ci sei…
Che ancora sai stupirci.
Sei fragile ed eterna.
sei umile e superba.
con tutti i figli generosa sei.
Identica passione.
Giuro non ti lascero’ sola.
Non temere cara, avro’ cura di te. Sono certo, tornerai fiera.
Senza te, che vita è?
Non sarebbe mondo senza te.
Roma, Roma…
Noi si.
Io rivojo er pincio e purcinella.
Quell’infanzia, chi l’ha vista piu’?
Ancora un altro giro in carozzella.
Come sei bella…resta così.
Dimme che nun te sei rassegnata,
Parla ancora dritta ar core mio.
Sessant’anni che te moro dietro.
Nun è un segreto s’amore mio.
Fatte riempì de baci e de carezze.
Che qui la vita è nsoffio…e tu lo sai.
A sta’ vicini er freddo nun se sente.
Strigneme forte, nun te ferma’.
Un popolo d’artisti e de poeti.
Qualunque cosa pur de nun morì!
Semo puri, sinceri e cristallini.

Renato Zero 2010

0

Vecchia Roma

Oggi er modernismo
der novecentismo
rinnovanno tutto va,
e l’usanze antiche e semplici
so’ ricordi che sparischeno.
E tu Roma mia
senza nostargia
segui la modernità,
fai la progressista, l’universalista,
dici okey, hallo, thank you, ja ja.
Vecchia Roma
sotto la luna
nun canti più
li stornelli,
le serenate de gioventù.
Er progresso
t’ha fatta grande
ma sta città,
nun è quella
‘ndo se viveva tant’anni fa.
Più nun vanno
l’innamorati
per Lungo Tevere,
a rubasse li baci a mille
sotto all’arberi.
E li sogni
sognati all’ombra
d’un cielo blù,
so’ ricordi der tempo bello
che nun c’è più.
Mo le regazzette
con le polacchette
certo nun le vedi più.
Gli abiti scollati porteno
controluce trasparischeno.
Senza complementi,
nei caffè le senti
de politica parlar,
vanno a ogni comizio, chiedono il divorzio
mentre a casa se stà a digiunar.
Più nun vanno
l’innamorati
per Lungo Tevere,
a rubasse li baci a mille
sotto all’arberi.
E li sogni
sognati all’ombra
d’un cielo blù,
so’ ricordi der tempo bello
che nun c’è più

Claudio Villa 1948