Poesie Archivio - Roma Sparita | Storia e Cultura

Category: Poesie

0

La verità

La verità
Antonio Fascianelli – primi del ‘900
Dipinto di Blanche Hoschedè Monet

0

“Roma”

“Roma”
Giosuè Carducci 1877 (Delle Odi Barbare Libro I)
Dipinto di Jakob Alt 1837

0

Er friggitore

Se pô ssapé’ sse pô, sor gabbolotto ,
Si cche ccaggnara famo a cquer focone?
– Gnente, sor Cencio: l’ho cco’ ‘sto didone ,
Che vvò’ de riffa er pessce, e nun è ccotto.

Sentì’?! Mme disce bbugro de cossciotto ,
Si’ ammazzato, lui pare un anetrone!
Poco più sto, jj’appoggio u’ sventolone ,
Che jj’abbotto l’occhiacci, che jj’abbotto .

– Sì, bbravo! P’annà ‘n gabbia ; ma vva’ là;
Bada ar vantaggio tuo; lassa fà’ a mme,
Che jje parlo in francese come va.

Musiù ddidon, si vvù vulé aspetté,
Aspetté, che ‘l pesscé sta in padellà;
Si nun vulé aspetté, mmorì ammazzé.

0

Tanto per Omo

TANTO PER OMO
Come si fusse facile a portà su la schina
– un omo solo –
tutto er peso der celo.
E un carico da undici:
una panza de stracci
e una barbaccia de millanta secoli.
Pe questo ar monno serveno fratelli:
a ritajasse er celo tanto per omo
e poi corre per scioje l’alegrie ner bigonzo der sole
come quanno fanelli,
annamio assieme allongo a le campagne,
le saccocce sfonnate
dar troppo monno da venì.

2

PURE E’ DESERTO FIUME

Pure è deserto fiume.
Sotterrato.
E vola arta a fir de murajone
l’artra fiumara.
Lemme
-lemme va fiume acqua
-passata
che nun move più ala de giornello.
Tempo fanello.
Lingua che batte er dente der passato.
Schiuma de rabbia fiume
finché slarga le braccia a mare rifiata
se sgabbia.
Gabbiani neri da la valle ar monte.
Panni stesi in un vicolo ‘sti versi
Ner ghetto der dialetto.

8

Romolo e Remo

Seconno er fatto storico romano,
come ce riccontava la maestra,
Romolo e Remo, dentro a ‘na canestra,
vennero giù pe’r fiume, da lontano.
Er vento poi li spinze su in ripiano,
in mezzo a quattro piante de ginestra,
e lì successe er sarvataggio extra,
rimasto pe li secoli un arcano.
‘Na lupa li sarvò, così li pupi,
succhiorno er latte suo come a ‘na balia
e crebbero co l’indole de lupi.
De fatti da li tempi ormai lontani
li discennenti succhieno l’Italia
e quer ch’è buffo è che nun sò romani.

(Trilussa)

Foglie d'autunno 4

Autunno

Indove ve n’annate,
povere foje gialle,
come tante farfalle spensierate?
Venite da lontano o da vicino?
da un bosco o da un giardino?
E nun sentite la malinconia
der vento stesso che ve porta via?
Io v’ho rivisto spesso
su la piazzetta avanti a casa mia,
quanno giocate e ve correte appresso
fra l’antra porcheria de la città,
e ballate er rondò co’ la monnezza
com’usa ne la bona società

Jeri, presempio, quanti mulinelli
ch’avete fatto in termine d’un’ora
assieme a un rotoletto de capelli!
Èreno forse quelli
ch’ogni matina butta una signora…
Je cascheno, così, come le foje,
e, come a voi, nessuno l’ariccoje
manco in memoria de li tempi belli!

Forse quarche matina,
fra l’antre cose che ve porta er vento,
troverete le lettere amorose
che me scriveva quela signorina,
quela che m’ha mancato ar giuramento.
L’ho rilette e baciate infìno a jeri:
oggi, però, le straccio volentieri
e ve le butto… Bon divertimento!

Trilussa