Poesie Archivio - Roma Sparita | Storia e Cultura

Category: Poesie

0

Monte Testaccio

Testaccio è un monte, e ferma el su’ ginocchio
dove à Scirocco ha Roma el muro vecchio,
de Cocci fu vestito (e ’l ver v’arrocchio)
già, già con antichissimo apparecchio
de mentuccia, raponzoli e finocchio,
intorno ha un praticel, che pare un specchio
ha nel su’ repostin più d’un grottaccio
che te fa ’l vin l’estate come un ghiaccio

Giovanni Camillo Perusio – 1688

0

La verità

La verità
Antonio Fascianelli – primi del ‘900
Dipinto di Blanche Hoschedè Monet

0

“Roma”

“Roma”
Giosuè Carducci 1877 (Delle Odi Barbare Libro I)
Dipinto di Jakob Alt 1837

0

Er friggitore

Se pô ssapé’ sse pô, sor gabbolotto ,
Si cche ccaggnara famo a cquer focone?
– Gnente, sor Cencio: l’ho cco’ ‘sto didone ,
Che vvò’ de riffa er pessce, e nun è ccotto.

Sentì’?! Mme disce bbugro de cossciotto ,
Si’ ammazzato, lui pare un anetrone!
Poco più sto, jj’appoggio u’ sventolone ,
Che jj’abbotto l’occhiacci, che jj’abbotto .

– Sì, bbravo! P’annà ‘n gabbia ; ma vva’ là;
Bada ar vantaggio tuo; lassa fà’ a mme,
Che jje parlo in francese come va.

Musiù ddidon, si vvù vulé aspetté,
Aspetté, che ‘l pesscé sta in padellà;
Si nun vulé aspetté, mmorì ammazzé.

0

Tanto per Omo

TANTO PER OMO
Come si fusse facile a portà su la schina
– un omo solo –
tutto er peso der celo.
E un carico da undici:
una panza de stracci
e una barbaccia de millanta secoli.
Pe questo ar monno serveno fratelli:
a ritajasse er celo tanto per omo
e poi corre per scioje l’alegrie ner bigonzo der sole
come quanno fanelli,
annamio assieme allongo a le campagne,
le saccocce sfonnate
dar troppo monno da venì.

2

PURE E’ DESERTO FIUME

Pure è deserto fiume.
Sotterrato.
E vola arta a fir de murajone
l’artra fiumara.
Lemme
-lemme va fiume acqua
-passata
che nun move più ala de giornello.
Tempo fanello.
Lingua che batte er dente der passato.
Schiuma de rabbia fiume
finché slarga le braccia a mare rifiata
se sgabbia.
Gabbiani neri da la valle ar monte.
Panni stesi in un vicolo ‘sti versi
Ner ghetto der dialetto.

8

Romolo e Remo

Seconno er fatto storico romano,
come ce riccontava la maestra,
Romolo e Remo, dentro a ‘na canestra,
vennero giù pe’r fiume, da lontano.
Er vento poi li spinze su in ripiano,
in mezzo a quattro piante de ginestra,
e lì successe er sarvataggio extra,
rimasto pe li secoli un arcano.
‘Na lupa li sarvò, così li pupi,
succhiorno er latte suo come a ‘na balia
e crebbero co l’indole de lupi.
De fatti da li tempi ormai lontani
li discennenti succhieno l’Italia
e quer ch’è buffo è che nun sò romani.

(Trilussa)