Poesie Archivio - Roma Sparita | Storia e Cultura

Category: Poesie

0

L’ORTOLANO E ER DIAVOLO

C’era ‘na vorta un povero Ortolano
che, se j’annava un pelo a l’incontrario,
dava de piccio a tutto er calennario,
metteva in ballo er paradiso sano;
Dio guardi! cominciava a biastimà:
— Corpo de…! sangue de…! mannaggia la…! —
Un giorno, mentre stava a tajà un cavolo
e che pe’ sbajo tajò invece un broccolo,
come faceva sempre attaccò un moccolo:
però, ‘sta vorta, scappò fòra er Diavolo
che l’agguantò da dove l’impiegati
cianno li pantaloni più lograti.
Ner sentisse per aria, straportato,
l’Ortolano diceva l’orazzione,
pregava le medesime persone
che poco prima aveva biastimato:
— Dio! Cristo santo! Vergine Maria!
M’ariccommanno a voi! Madonna mia! —
Er Diavolo, a sti’ nomi, è naturale
che aprì la mano e lo lassò de botto:
l’Ortolano cascò, come un fagotto,
sopra un pajone senza fasse male.
— L’ho avuta bona! — disse ner cascà —
Corpo de…! sangue de…! mannaggia la…!

0

La callarostara

La callarostara

E mo ch’er freddo incarza e la staggione
se porta appresso l’acqua, er gelo, er vento,
te vedo n’artravorta sur cantone
co tutto quanto er solito armamento.
Quanto lavori, accosto a quer focone
tu nun te fermi manco pe’ un momento
sventoli, attasti, smovi er padellone
che coce le castagne a foco lento.
Povera vecchia Sei così aggrazziata,
che quanno che te passo da vicino,
me fermo pe’compranne ‘na manciata.
E tu me capi sempre le più belle.
Io imbocco l’osteria,
me fo un quartino,
tramezzo a tante cocce scrocchiarelle.

0

L’amore

L’amore è sempre bello: da vicino,
da lontano, in finestra, pe’ le scale,
a casa (e si c’è mamma, poco male,
abbasta che je tocchi un po’ er piedino).

L’amore d’anniscosto è tal’e quale:
pôi fa’ l’amore drent’un portoncino…
(si puro c’è davanti un regazzino,
che je fa? È un impiccio che nun vale).

L’amore è sempre bello, in ogno posto!
Però, pe’ parte mia, io v’assicuro
che scejerebbe sempre, a ogni costo,

de fa’ l’amore pe’ li vicoletti:
armeno, se non antro, stai all’oscuro
e so’ più scrocchiarelli li bacetti

0

‘A garganella

Àrza la boccia setta ne la mano
mànnela avanti e indietro e cor movélla
fa che pisciali er vino piano piano
come dar becco d’una funtanella
Trattiè’ el respiro pe’un minuto sano,
piega la lingua in forma de scudella, poi succhia
questo, ner parlà’ romano, noi lo chiamamo béve a garganella

Antonio Mun0z
Dipinto: La bevuta a garganella di Édouard Manet (1862/72)

0

Mi’ sôcera

È mejo cento vorte avè’ er colera,
la migragna, la febbre scarlattina;
è mejo cento vorte avè’ la guera
che d’avecce la sôcera vicina.

IO che ciò ‘sta disgrazia, sôra Nina,
che me l’ho da cibbà matina e sera,
imptatiribbirmente ogni matina,
fo a Gesù benedetto ‘sta preghiera:

– O caro Gesù mio, pè quell’amore
che portate a’ la Vergine Maria,
libberateme Voi da ‘st’anticore.

E un giorno che viè giù a trovà la fìa,
senza faje provà’ tanto dolore,
fateje roppe’ er collo e … così sia!-

0

Quell’occhi

Anima , bella, rosa ricamata
sopra ‘na tela d’oro sopraffina,
come te posso di’ che sei carina
si nun m’abbasta manco er nome “fata”?

Sotto la fronte bianca e scorniciata
da ‘n ammasso de seta fina fina,
tu ciài ‘na rarità proprio divina:
ciài l’occhi de madonna immacolata.

Du’ occhi rilucenti com’er sole,
pieni de vita e pieni de dorcezza,
che parleno e nu’ spiegheno parole!

Occhi affatati! Si v’avessi qui,
fra un bacio appassionato e ‘na carezza,
vorrebbe campà un’ora e poi morì!

0

Monte Testaccio

Testaccio è un monte, e ferma el su’ ginocchio
dove à Scirocco ha Roma el muro vecchio,
de Cocci fu vestito (e ’l ver v’arrocchio)
già, già con antichissimo apparecchio
de mentuccia, raponzoli e finocchio,
intorno ha un praticel, che pare un specchio
ha nel su’ repostin più d’un grottaccio
che te fa ’l vin l’estate come un ghiaccio

Giovanni Camillo Perusio – 1688

0

Fontana del Facchino

Oh con che grato ciglio,
villan cortese, agli assetati ardenti
offri dolci acque algenti!
Io ben mi meraviglio,
se vivo sei, qual tu rassembri a noi,
come in lor mai non bagni i labri tuoi.
Forse non ami i cristallini umori,
ma di Bacco i licori!

Giovan Battista Marino 1913

Contributo di Mario Visconti

0

La verità

La verità
Antonio Fascianelli – primi del ‘900
Dipinto di Blanche Hoschedè Monet

0

“Roma”

“Roma”
Giosuè Carducci 1877 (Delle Odi Barbare Libro I)
Dipinto di Jakob Alt 1837