Mauro Marè Archivio - Roma Sparita | Storia e Cultura

Tagged: Mauro Marè

0

Tanto per Omo

TANTO PER OMO
Come si fusse facile a portà su la schina
– un omo solo –
tutto er peso der celo.
E un carico da undici:
una panza de stracci
e una barbaccia de millanta secoli.
Pe questo ar monno serveno fratelli:
a ritajasse er celo tanto per omo
e poi corre per scioje l’alegrie ner bigonzo der sole
come quanno fanelli,
annamio assieme allongo a le campagne,
le saccocce sfonnate
dar troppo monno da venì.

2

PURE E’ DESERTO FIUME

Pure è deserto fiume.
Sotterrato.
E vola arta a fir de murajone
l’artra fiumara.
Lemme
-lemme va fiume acqua
-passata
che nun move più ala de giornello.
Tempo fanello.
Lingua che batte er dente der passato.
Schiuma de rabbia fiume
finché slarga le braccia a mare rifiata
se sgabbia.
Gabbiani neri da la valle ar monte.
Panni stesi in un vicolo ‘sti versi
Ner ghetto der dialetto.

13

Testamento

Me piacerebbe d’esse seppellito,
magara doppo morto, in cima a un colle,
senza la cassa, a pelle cò le zolle,
in pizzo ar mare, limpido e infinito.