Il primo giorno di scuola

Scuola nell'agro romano

Suona suona la campanella,
scopa scopa la bidella,
viene il bidello ad aprire il portone,
viene il maestro dalla stazione
viene la mamma, o scolaretto,
a tirarti giù dal letto…
Viene il sole nella stanza:
su, è finita la vacanza.

Metti la penna nell’astuccio,
l’assorbente nel quadernuccio,
fa la punta alla matita
e corri a scrivere la tua vita.
Scrivi bene, senza fretta
Ogni giorno una paginetta.
Scrivi parole diritte e chiare:
“Amare, lottare, lavorare”.

Gianni Rodari


Per una didascalia completa della foto visitare questo LINK

10 Risposte

  1. credo sia una foto scattata a Maccarese

  2. La semplicità di queste parole, vale mille discorsi….Buon lavoro a tutti ragazzi e famiglie comprese.

  3. Gianni Rodari, che ha scritto tanto e bene per i ragazzi, ci presenta una scuola diversa da quella di oggi e fa andare il pensiero indietro nel tempo, nostalgico, a noi che giovani non siamo piu’ e ricordiamo la scuola di un tempo….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.