Roma Sparita - 'Na vorta

‘Na vorta

‘Na vorta a Roma mia
Se campava co’ du’ spicci
Se cantava in ogni via
Pe’ da’ sfogo a li capricci

‘Na vorta a ‘sta città
Nun mancava mai er fiato
Je serviva pe’ canta’
Storie e amori der passato

‘Na vorta in fondo ar còre
De’ poeti e borgatari
C’era er tipico rumore
Dei quartieri popolari

‘Na vorta, io ve dico
Nella nostra cittadina
Er quartiere t’era amico
Da Testaccio a Tiburtina

‘Na vorta c’era gente
Co’ la polvere su ‘e dita
E piagneva soridente
Sempre in lotta co’ la vita

‘Na vorta, tempo addietro
Questa società romana
Era chiara come vetro
Forte come tramontana

‘Na vorta, tempo fa
Arvaro Amici e Gabriella
Te facevano casca’
Tra le braccia de ‘na stella

‘Na vorta a Roma mia
Je bastava solo er sole
Pe’ esse piena de poesia
Senza tutte ‘ste parole.

Componimento originale di Inumi Laconico dei Poeti der Trullo, 2012

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *