Roma Sparita - Er muratorino Roma Sparita - Er muratorino

Er muratorino


Er muratorino

Timido, silenzioso
bianco de gesso e carcinaccio,
lavora sempre operoso
ar gelo, ar sole, ar ghiaccio.
Su travi a mezz’aria sospese
se ‘ncanta travorto a guardà
co’ l’occhi sui fissi ner voto
immobile immoto,
che spesso nun se sa.
So’ li sogni de’ ‘n muratorino,
so’ poveri sogni semprici e innocenti
so’ castelli de carta, abbattuti dar vento
so’ sogni strani, che solo lui pò fà,
ed è felice e contento perché sa
che nemmeno er principale suo tanto potente,
que’ li sogni no, nun li potrà levà.
Su travi a mezz’aria sospese
lui tutto vede quanno sta lassù.
Tutto ce scopre e ce trova
puro la mamma sua che ‘n terra nun c’è più.

Raffaella La Crociera, la poccola poitessa romana (23-11-1940 – 2-11-54)
Anno: 9 agosto 1954

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *