Roma Sparita - Stornello del "Sor Capanna" Roma Sparita - Stornello del "Sor Capanna"

Stornello del “Sor Capanna”


‘Na notte me’nzognai che stavo ar mare,
facevo er bagno co ‘na signorina;
mentre sciacquavo in mezzo all’onne chiare,
m’accorsi ch’era bòna e assai carina.
Tutt’a ‘n botto me svejai,
giù dar letto me trovai…
Poi s’ariseppe
che stavo co li piedi ‘n der zipèppe.
Poi s’ariseppe
che stavo co li piedi ‘n der zipeppe

(zipeppe: pitale o vaso da notte)
Stornello del “Sor Capanna” (Pietro Capanna) dei primi del ‘900.Cantato da Petrolini alla Sala Umberto

Aggiunta da Loredana Diana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *