Canzoni Archivio - Pagina 3 di 4 - Roma Sparita | Storia e Cultura

Category: Canzoni

0

Barcarolo Romano

Quanta pena stasera c’è sur fiume che fiotta così
disgraziato chi sogna e chi spera tutti ar monno dovemo soffrì
ma si un’anima cerca la pace pò trovalla sortanto che qui…

6

Le ferovie

Le Ferovie appartengheno a lo Stato
È bello assai er servizio che te fanno!
Si monti drento ar treno, dopp’un anno
Si nun mori acciaccato, sei arivato.
Si voi fà quarche viaggetto
E pià te voi er diretto,
Poco ce manca
Che arivi vecchi e co’ la barba bianca.
Poco ce manca
Che arivi vecchio e co’ la barba bianca.

Sor Capanna, Stornelli Romani

4

Inno a Roma

Roma divina, a te sul Campidoglio,
dove eterno verdeggia il sacro alloro,
a te, nostra fortezza e nostro orgoglio,
ascende il coro.
Salve Dea Roma! Ti sfavilla in fronte
il Sol che nasce sulla nuova storia;
fulgida in arme, all’ultimo orizzonte
sta la Vittoria.

5

Core de mamma

S’anninna quanno è sera er pupo bello
e mamma se lo strigne sopra ar core
je brilla drento l’occhi tanto amore
come na fiamma de felicità
ce sta la vita sua in quell’antra vita
che già conosce mamma e vo’ parlà

Su dormi tranquillo boccuccia de rosa
che mamma è la cosa piu’ santa che c’e’
dorcezza de mamma passione der core
sei gioia e dolore sei tutto pe’ mme

1

Nina si voi dormite

‘Nde ‘sta nottata piena de dorcezza
pare che nun esisteno dolori.
tira ‘n ber venticello ch’è ‘na carezza
smove le fronne e fa’ sboccià li fiori

Nina, si voi dormite,
sognate che io ve bacio,
ch’io v’addorcisco er sogno
cantanno adacio, adacio.
profumo de li fiori che se confonne,
cor canto mio se sperde tra le fronne

0

Chitarra Romana

Sotto un manto di stelle
Roma bella mi appare
solitario il mio cuor
disilluso d’amor
va nell’ombra a cantar
una muta fontana una stella lassù
o chitarra romana
accompagnami tu.
Suona suona mia chitarra
accompagnami in sordina
la mia bella fornarina
al balcone non c’e’ piu’…

0

Casetta de Trastevere

No nun è gnente è ‘n po’ de carcinaccio
Aspettate me tiro ‘n po’ più in quà
Me metto bbono bbono e che ve faccio
Sfasciate puro che io ve stò a guardà
E sotto quer piccone traditore
Come quer muro, me se sfascia er core
Casetta de Trastevere, casa de mamma mia
Tu me te porti via, la vita appresso a te
Tutti li sogni cascheno mattone pe’ mattone
E in mezzo ar polverone io nun te vedo più

1

Affaccete Nunziata

Affaccete Nunzià, core adorato
che ‘sta nottata invita a fa l’amore
er celo è tutto quanto imbrillantato
la luna manna a sfascio lo sprennore.

E tira un venticello dorce dorce
che fa tremà le foje adacio, adacio
a quando ammalappena che le storce
pe’ faje appiccicà tra loro un bacio

19

Alla renella

Alla Renella…
più cresce er fiume e più legna vie’ a galla
io più ve guardo e più ve fate bella…

A ttocchi a ttocchi la campana sona,
li turchi so’ rivati alla marina.
Chi c’ha le scarpe rotte l’arisola,
io me l’ho risolate stammatina.

6

Come è bello fa’ l’amore quanno è sera

Chi pe’ fa’ l’amore vo’ er salotto o er separè
Chi se sceje l’ombra profumata di un caffè.
Mentre c’ho da ditte? A me piace amoreggià
Pe’ le strade in libertà…
Poi quanno tramonta er sole
So’ più dorci le parole a tu per tu!

Come è bello fa’ l’amore quanno è sera
Còre a còre co’ ‘na pupa ch’è sincera!

Quelle stelle che ce guardano lassù
Nun so’ belle come l’occhi che c’hai tu!
Luce bianca “dormi veja” d’un lampione!
Che t’insegna dove tu le poi bacià.
Specialmente fra le rose a primavera

Come è bello fa’ l’amore quanno è sera!

Sperza nell’erbetta, fra le rose e le panzè
Io c’ho ‘na casetta che me fabbrico da me!
C’ha pe’ tetto er cielo, c’ha la luna p’abagiù;
Ner tramonto è tutta blu!
Nun ce pago mai pigione
E ce porto ‘gni maschietta che me va!

Come è bello fa’ l’amore quanno è sera
Còre a còre co’ ‘na pupa ch’è sincera!

Quelle stelle che ce guardano lassù
Nun so’ belle come l’occhi che c’hai tu!
Luce bianca “dormi veja” d’un lampione!
Che t’insegna dove tu le poi bacià.
Specialmente fra le rose a primavera

Come è bello fa’ l’amore quanno è sera!
Come è bello fa’ l’amore quanno è sera
Còre a còre co’ ‘na pupa ch’è sincera!

E se un vigile me dice: “lei che fa!…”
J’arisponno: “è casa mia, che nun lo sa!…”
L’ho innarzata co’ li sogni ‘sta casetta
E se qui la pupa mia me viè a trovà
Specialmente fra le rose a primavera

Come è bello fa’ l’amore quanno è sera!

Canzone di Martelli-Neri-Simi
1936