Roma Sparita - A certi critici

A certi critici


Siccome pe’ parlà’ bene de uno
sete usi a aspetta’ che prima more,
io che, seconno voi, nun so’ nessuno,
me fo un augurio che vie’ su dar core.
Per evitavve de prova’ er rimorso
de perde tempo a stroligà’ la mente
pe’ potè’ mette assieme un ber discorso,
p’affermà’ ch’ero bravo e inteliggente,
pe’ favve risparmià’ tutti ‘st’affanni,
ogni giorno che passa prego Dio
che me facci campà ‘n’antro po’ d’anni,
cosí er discorso ve lo faccio io.

Checco Durante

5 Responses

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *