Roma Sparita - La distrazione de Cupido

La distrazione de Cupido


Dormivo da un par d’ore
quanno intesi un fruscio vicino ar letto:
accenno er lume e vedo un angioletto
ch’era proprio Cupido, er Dio d’Amore.
– Che voi? – je chiedo; e quello,
che stava pe’ tiramme una frecciata,
come me vede sbotta una risata
che m’arisona come un campanello.
– Caro Cupido, – dico –
te manna forse Margherita mia?
Solo così me spiego l’allegria
sincera e fresca der bertempo antico.
– No vecchio mio, t’inganni:
– m’ha risosto quer boja de Cupido –
me so’ sbajato porta, apposta rido;
io devo ferì un core de vent’anni.
E’ giovene, è felice
e crede vero tutto quer che sogna…
Ma, a l’età tua, che speri? Ormai bisogna
che te contenti de la cicatrice.

Trilussa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *