Roma Sparita - Memoria sul fatto d'armi di Via Rasella (23 marzo 1944). Mario Mazzei

Memoria sul fatto d’armi di Via Rasella (23 marzo 1944). Mario Mazzei

rasella1
rasella2
rasella3
rasella4
rasella5
rasella6

29 Responses

  1. Elena Servadei ha detto:

    doveroso ricordare l’eccidio,ancora più doveroso è non dimenticare mai…e tramandare alle nuove generazioni!!

  2. Ciro Giorgini ha detto:

    Racconto emozionante! grazie per averlo condiviso con noi! Ho avuto un parente assassinato alle Fosse Ardeatine e mi batte il cuore leggere i racconti di quei giorni, pensare all’inimmaginabile violenza dell’occupazione nazista, la vergogna della bugia, perpetrata per decenni e a cui ancora tanta gente fa finta di credere, secondo cui ci sarebbe stato “un appello a presentarsi” presso il Comando tedesco. Niente di più falso: i nazisti non pubblicarono nessun avviso, come ricorda nella sua memoria il papà di Paola Mazzei, e sterminarono a sangue fredde, come delle belve, 335 italiani. La sola, grande consolazione è quella di sapere che di lì a un po’ di mesi sarebbero stati cacciati a calci nel sedere dai patrioti antifascisti, con buona pace di chi ancora esalta quel regime.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *