Roma Sparita - Lo scolo der '34

Lo scolo der ’34

dal sito: corriere.it

Oggi trentun discemmre, ch’è ffinita
st’annata magra de Ggiusepp’abbreo,
la siggnora fratesca ggesuita
pe rrenne grazzie a Ddio canta er Tedeo.

Dimani poi, si Ccristo je dà vvita,
ner medemo convento fariseo
s’intona un’antra antifona, aggradita
a lo Spiritossanto Paracreo.

E a cche sserveno poi tanti apparecchi?
er distino oramai pare disciso
c’oggn’anno novo è ppeggio de li vecchi.

Pòi defatti cantà cquanto tu vvòi,
ché ggià Ddio bbenedetto ha in paradiso
antri gatti a ppelà che ssentí nnoi.

31 dicembre 1834, “Lo scolo der ’34”, Sonetto di G.G.Belli

2 Responses

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *