Roma Sparita - La società de' li magnaccioni

La società de’ li magnaccioni

Ponte

Fatece largo che passamo noi,
Li giovanotti de ‘sta Roma bella.
Semo ragazzi fatti cor pennello,
E le ragazze famo innamorà.
E le ragazze famo innamorà.

Ma che ce frega, ma che ce ‘mporta,
Se l’oste ar vino c’ha messo l’acqua:
E noi je dimo, e noi je famo,
“C’hai messo l’acqua, e nun te pagamo!” ma però,
Noi semo quelli, che j’arisponnemo ‘n’coro:
“È mejo er vino de li Castelli
Che questa zozza società”.

Ce piacciono li polli, l’abbacchi e le galline,
Perché so’ senza spine,
Nun so’ come er baccalà.
La società de li magnaccioni,
La società de la gioventù,
A noi ce piace de magnà e beve,
E nun ce piace de lavorà.

Osteee!!

Portace ‘n’artro litro,
Che noi se lo bevemo,
E poi j’arisponnemo:
“Embè, embè, che c’è?”.
E quando er vino, embè,
Ci’ariva ar gozzo, embè,
Ar gargarozzo, embè,
Ce fa ‘n’ficozzo, embè.

Pe’ falla corta, pe’ falla breve,
Mio caro oste portace da beve,
Da beve, da beve, zan zan.

Ma si pe’ caso la socera mòre
Se famo du’ spaghetti amatriciana,
Se famo un par de litri a mille gradi,
S’ambriacamo e ‘n ce pensamo più
S’ambriacamo e ‘n ce pensamo più.

Che ci’arifrega, che ci’arimporta,
Se l’oste ar vino c’ha messo l’acqua:
E noi je dimo, e noi je famo,
“C’hai messo l’acqua, e nun te pagamo!” ma però,
Noi semo quelli, che j’arisponnemo ‘n coro:
“È mejo er vino de li Castelli
Che questa zozza società”.

È mejo er vino de li Castelli
Che questa zozza società,
Parapappappaà.

Canto popolare di fine ottocento

11 Responses

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *