Roma Sparita - Er cortello

Er cortello

Immagine del "Museo del coltello"

Immagine del “Museo del coltello”

Ar mio, sopra la lama ch’è rintorta
C’è stampata ‘na lettra cór un fiore;
Me lo diede Ninetta che m’è morta
Quanno che me ce méssi a fa’ l’amore.

E quanno la baciai la prima vorta,
Me disse: — Si m’avrai da da’ er dolore
De dimme che de me nun te n’importa,
Prima de dillo sfonnemece er core. —

E da quer dì che j’arde el lanternino
Davanti a la crocetta ar camposanto
Lo porto addosso come un abitino.

E si la festa vado a fa’ bisboccia,
Si be’ che ci abbi tanti amichi accanto,
Er mejo amico mio ce l’ho in saccoccia.

Cesare Pascarella

5 Responses

  1. Ma e’ bellissima e molto profonda!!,

  2. no, dico, quale lingua mai riesce a dire “Prima de dillo sfonnemece er core”

  3. ama chi ti ama-lama chi ti infama!

  4. …er mejo o er peggio amico tuo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *