Roma Sparita - La verità

La verità

1689497_10151926966586527_612529508_n
La Verità che stava in fonno ar pozzo
Una vorta strillò: – Correte, gente,
Chè l’acqua m’è arivata ar gargarozzo! –
La folla corse subbito
Co’ le corde e le scale: ma un Pretozzo
Trovò ch’era un affare sconveniente.
– Prima de falla uscì – dice – bisogna
Che je mettemo quarche cosa addosso
Perchè senza camicia è ‘na vergogna!
Coprimola un po’ tutti: io, come prete,
Je posso dà’ er treppizzi, ar resto poi
Ce penserete voi…

– M’assoccio volentieri a la proposta
– Disse un Ministro ch’approvò l’idea. –
Pe’ conto mio je cedo la livrea
Che Dio lo sa l’inchini che me costa;
Ma ormai solo la giacca
È l’abbito ch’attacca. –

Bastò la mossa; ognuno,
Chi più chi meno, je buttò una cosa
Pe’ vedè’ de coprilla un po’ per uno;
E er pozzo in un baleno se riempì:
Da la camicia bianca d’una sposa
A la corvatta rossa d’un tribbuno,
Da un fracche aristocratico a un cheppì.

Passata ‘na mezz’ora,
La Verità, che s’era già vestita,
S’arrampicò a la corda e sortì fôra:
Sortì fôra e cantò: – Fior de cicuta,
Ner modo che m’avete combinata
Purtroppo nun sarò riconosciuta!

Dipinto: Édouard Debat-Ponsan, La Verità esce dal pozzo, 1898

10 Responses

  1. SEMPRE PIUù VERA E ATTUALE –

  2. La Bucìa
    [che non ho mai capito di chi sia]

    “Guardateme! Chi so’ ? so’ la Bucia
    e trovo sempre er modo e la maniera
    d’entrufolamme ne la fantasia
    de quela gente che nun è sincera.

    Mi’ madre che se chiama Ipocrisia,
    sposò l’ Inganno e fà la fattucchiera;
    la Truffa pure è na parente mia,
    ma appena sbaja va a dormì ‘n galera.

    Si me volete véde è sufficente
    fissà nell’occhi chi ve sta vicino,
    perchè me ce trovate certamente.

    Però si sbajo scappo e certe vorte
    inciampo pe corpa der destino
    che m’ha voluto fà le cianche corte.

    Assieme a mi sorella Mardicenza
    freguento li salotti e sto benone,
    perchè ner gusto de la confidenza
    io tengo viva la conversazzione.

    Eppoi lavoro pure de pazienza
    p’ammascherà er cervello a le persone,
    sinnò je scapperebbe quer che pensa
    e nun sarebbe bona educazzione.

    Me dicheno cattiva e velenosa,
    eppure tante vorte ciò er permesso
    de mutà strada e diventà pietosa;

    così nasconno co la faccia mia
    la Verità che se presenta spesso
    più perfida de me che sò Bucia.”

    ;)

  3. Veritas Filia Temporis! Prima o poi trova il modo di farsi riconoscere!

  4. Non esiste la verità, al massimo il VEROSIMILE!!!

  5. Le bugie dette per far male a chi nn lo merita se pagano a caro prezzo!!!(recente sperimentazione)

  6. Bellissima come tutte le poesie di trilussa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *