Roma Sparita - Fiori d'acanto

Fiori d’acanto

Giggi Zannazzo
Perdoneme, ciumaca de sto core,
si la sera, p’er gusto de vedette,
te faccio sta in finestra l’ore e l’ore,
sbattenno Dio sa quanto le brocchette.

Ma uno quanno è ceco da l’amore,
lo sai, Teresa mia, che nun connette;
e a costo de pijàccese un malore,
hai voja a dì! nun je n’mporta un ette.

Cusì so io, Terè. Si nun ce sei,
dico: “Madonna, fatela affaccià!”
E smagno, e me la pìo co te e co Lei.

Ma appena vedo su la finestrella
quel’occhiuccetti tui sbrilluccicà,
te chiamo santa, benedetta, bella.

Giggi Zanazzo

7 Responses

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *