Roma Sparita - ‘A reghela n’ii pasti

‘A reghela n’ii pasti


Cià’ un chiodo ‘n corpo! e sfido! e ‘o trovi strano?!
e te ce lagni?! e statte zitto, almeno!
Te ‘nfurzi tròo-ppo! ‘o corpo è troppo pièe-no!
Fa’ come faccio io, caro Grazziano.Io magno un dì più forte e un dì un po’ meno :
perchìne, «un pasto bono e uno mezzano
mantiè’» dice ‘l proverbio «l’omo sano»
e ‘un rischi d’èsse mmai troppo repièno.

Iere ebbe rizzo, concia e cacciunelli :
òe,baccalà e ciccorria, un filo appena :
domana, se Dio vo’, pollo e torzelli.

Quant’a vino, ‘un c’è caso che me sposti :
un fiasco a pranzo e do’ foglietti a cena
e un po’ più, se ce so’ li callarosti

Crescenzo Dal Monte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *