Lella


Te la ricordi Lella quella ricca
La moje de Proietti er cravattaro
Quello che cia’ er negozio su ar Tritone
Te la ricordi te l’ho fatta vede
Quattr’anni fa e nun volevi crede
Che ‘nzieme a lei ce stavo proprio io
Te la ricordi poi ch’era sparita
E che la gente e che la polizia
S’era creduta ch’era annata via
Co’ uno co’ più sordi der marito…

E te lo vojo di’ che so’ stato io
E so’ quattr’anni che me tengo ‘sto segreto
E Te lo vojo di’ ma nun lo fa sape’
Nun lo di’ a nessuno tiettelo pe’ te

Je piaceva anna’ ar mare quann’è inverno
Fa’ l’amore cor freddo che faceva
Però le carze nun se le tojeva
A la fiumara ‘ndo ce sta er baretto
Tra le reti e le barche abbandonate
Cor cielo griggio a facce su da tetto
Na matina ch’era l’urtimo dell’anno
Me guarda co’ la faccia indifferente:
Me so stufata nun ne famo gnente! E tireme su la lampo der vestito…

E te lo vojo di’ che so’ stato io
E so’ quattr’anni che me tengo ‘sto segreto
E te lo vojo di’ ma nun lo fa sape’
Nun lo di’ a nessuno tiettelo pe’ te

Ao’ tu nun ce crederai io nun ciò più visto
l’ho presa ar collo e nun me so’ fermato
che quann’è annata a tera senza fiato… ner cielo
da ‘no squarcio er sole è uscito
e io la sotterravo co’ ‘ste mano
attento a nun sporcamme sur vestito.
Me ne so’ annato senza guarda’ ‘ndietro
nun ciò rimorsi e mo’ ce torno pure
ma nun ce penso a chi ce sta la’ sotto… no
io ce ritorno solo a guarda’ er mare… si
solo a guarda’ er mare ce ritorno

E te lo vojo di’ che so’ stato io
E so’ quattr’anni che me tengo ‘sto segreto
E te lo vojo di’ ma nun lo fa sape’
Nun lo di’ a nessuno tiettelo pe’ te!
tiettelo pe’ te!

Cantautori Edoardo De Angelis e Stelio Gicca Palli (Cantagiro 1971)
Riprodotta dai Vianella, Lando Fiorini, Schola Cantorum

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.