Roma Sparita - Arrivederci Roma

Arrivederci Roma


T’invidio turista che arrivi
t’imbevi de fori e de scavi
poi tutto d’un colpo te trovi
fontana de Trevi ch’e tutta pe’ te
Ce sta ‘na leggenda romana
legata a ‘sta vecchia fontana
per cui se ce butti un soldino
costringi er destino a fatte tornà
E mentre er soldo bacia er fontanone
la tua canzone in fondo è questa qua
Arrivederci, Roma
Good bye, au revoir
Si ritrova a pranzo a Squarciarelli
fettuccine e vino dei Castelli
come ai tempi belli che Pinelli immortalò
Arrivederci, Roma
Good bye, au revoir
Si rivede a spasso in carozzella
e ripenza a quella ciumachella
ch’era tanto bella e che gli ha detto sempre no
Stasera la vecchia fontana
racconta la solita luna
la storia vicina e lontana
di quella inglesina col naso all’insù
Io qui, proprio qui l’ho incontrata
E qui…proprio qui l’ho baciata
Lei qui con la voce smarrita
M’ha detto e’ finita ritorno lassù
Ma prima di partire l’inglesina
Buttò la monetina e sussurrò
Arrivederci, Roma
Good bye, au revoir
Voglio ritornare in via Margutta
voglio rivedere la soffitta
dove m’hai tenuta stretta stretta accanto a te
Arrivederci, Roma
Non so scordarti più
Porto in Inghilterra i tuoi tramonti
porto a Londra Trinità dei monti
porto nel mio cuore i giuramenti e gli I love you
Arrivederci, Roma
Good bye, au revoir
Mentre l’inglesina s’allontana
Un ragazzinetto s’avvicina
Va nella fontana pesca un soldo se ne va
Arrivederci Roma…

Renato Rascel (1954)
Autori Pietro Garinei e Sandro Giovannini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *