Roma Sparita - Stornellata Romana

Stornellata Romana


Quando ar mattino Roma s’è svejiata
pare un pavone quanno fa la ruota
sembra ‘na pennellata fatta d’arcobaleno,
pure se piove pare ch’è sereno.

Gira, gira e fai la rota
nun te devi mai stancà;
gira,gira e fai la rota
e nun falla mai fermà!

Poi quanno a sera Roma s’addormenta
la ninna nanna er Tevere je canta,
la musica va lenta…
è un tocco de campane
de tutte le basiliche romane.

Roma la prima vera tua è ‘n incanto,
er nammorato tuo persino er vento,
de fiori porti un manto:
so viole e so mimose
che li ragazzi danno all’amorose.

D’estate Roma sei focosa amante,
dai baci appassionati, amori ardenti:
cor sole tuo bruciante
la donna se fa bella,
pur senza er mare dai la tintarella!

Sei come ‘na regina incoronata,
vestita de broccato gemme e seta,
o Roma, Roma amata,
poeti e imperatori
te devono in ginocchio fa l’onori.

Te vojo bene ancora nun lo sai,
ma guarda bene dentro all’occhi mii
così ce leggerai ‘na lettera d’amore
che ho scritto e sigillata
in fonno ar core…

Claudio Villa – Inciso il 27 Febbraio 1948
Autori musica Carlo Innocenzi, testi Marcella Rivi
foto Alfredo Caruso

1 Response

  1. Avatar SANDRA PACIFICI ha detto:

    MERAVIGLIOSA E UNICA…LA CANZONE E…IL GRANDE VILLA…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *