Roma Sparita - E' riposo festivo - Gioacchino Brutti

E’ riposo festivo – Gioacchino Brutti


Nun è ancora arivato in Parlamento
’Sto progetto de legge disgrazziato
Che già senti li lagni e er marcontento
De quarche bottegaro sfaccennato.

Quarc’antro invece dice che è contento
E nun j’importa si sarà approvato;
Si chiuderà er negozzio pe’ un momento
Nu’ resterà pe’ questo ruvinato.

Ma er bello sai qual è? ’Sti deputati
Coll’istate che incarza e je da in testa
Nun passa er mese che se so’ squajati.

E a la fine vedremo ’sto lavoro:
Che pe’ insegnacce a rispettà la festa
Cuminceranno intanto a falla loro!

Giugno 1902

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *