Roma Sparita - La vacanza di fine settimana Roma Sparita - La vacanza di fine settimana

La vacanza di fine settimana


Lavoro cinque giorni a settimana
Me faccio ‘n culo come ‘na campana, aspetto er Venerdì pe’ riposare
Ma tu sei pronta già pe’ annà a sciare
Rientro stanco peggio de ‘n facchino, apro la porta e ”nciampo in un casino
“Che so’ tutti ,’sti ‘mpicci nell’ingresso, che stamo a cambià casa, ch’è successo?”
Borse, valigie, pacchi, sci, scarponi
“Aoh, io me so’ rotto li cojoni
L’urtima vorta che ho parlato ar muro? C’hai tanti amici, va’ a scià co’ loro
Io ‘sti du’ giorni vojo sta’ tranquillo, nun me poi mica spappolà er cervello
Poi sulla neve ce divento matto, c’ho sempre ‘n freddo che me caco sotto
Arzo la voce, ma nun serve a gnente
Dopo ‘na mezz’oretta sto’ ar volante
Nun ho magnato, me vorrei fermare ma tu stai ‘n dieta e nun ne voi sapere
Anzi, me dici: “Forse ci conviene fermarci per montare le catene”
Me fermo e le catene nun me sbajo so’ sempre dietro all’urtimo bagajo
Scarico, monto e poi rimetto dentro
“Un giorno o l’artro, giuro che te sventro
Guarda la coda su pe’ ‘sta salita questo nun è riposo, è ‘na stronzata”
Semo arivati
Proprio ‘n ber viaggetto mo’ magno, penso, e me ne vado a letto
Ma è tutto chiuso e c’è er portiere solo, qui chi c’ha fame se la pija ‘nder culo
La voce tua me segue pe’ le scale: “Amore scendi”
“No, me sento male”
“Ma gioia, mica andrai subito a letto?
“Io? Per carità e mica so matto”
“Allora torna subito, capito?
C’è un bel ramino appena organizzato”
“Ma va davero? Ma che ve serve er quarto?
Intanto ‘ncominciate ‘n tre, cor morto
Date le carte, ‘n attimo, che arivo”
Si nun me metto a letto, io nun vivo
Me butto ‘nbranda, prima che vie’ giorno
Giocassero cor morto, ch’io m’addormo
Dev’esse’ l’alba quanno la tua voce aricomincia e me rimette in croce
“Alzati caro, guarda che giornata, facciamoci una bella passeggiata
Facciamose ‘na che? Ma vaffan…o
A me lasciame perde’ qui da solo
So’ stanco, nun me va’ da camminare poi pago e faccio quello che me pare
Da quanno t’ho sposata nun c’è inverno che nun me fai ‘ncazzà cor Padreterno
M’hai fatto comprà pure er coredino e nun so’ manco annà sullo slittino
Quanno se va ‘n salita e sulla neve le passeggiate so’ facoltative
C’ho freddo, la stanchezza me se magna e vengo a fa’ er cojone qui in montagna
Valla a fa’ te ‘sta bella passeggiata co’ quarche amica tua rincojionita
Io dormo fino a prima de tornare, io lunedì matina, sto’ ar cantiere
Un’ora prima de partì, me svejo
Adesso me comincio a senti mejo
E pe’ ritorna’ a casa già so’ pronto mo’ manno su ‘n facchino e pago er conto
Sempre più caro, li mortacci loro
Si ce ritorno, nun so’ ‘n omo vero
Qui vonno i sordi mica caramelle è chiaro che me girano le palle
Ma pago tutto senza batte ‘n occhio, tanto me ce rifregano cor cacchio
Ma er venerdì che viene non ce casco
Chi sei? Mi moje? Io non te conosco
Der viaggio de ritorno ne parlamo ?
Raccontamo quarcosa o sorvolamo ?
Sull’autostrada pare de sta’ a Monza, la gente fa’ la gara a chi è più stronza
Tu ‘ntanto te sarai pure abbronzata ma c’hai la faccia della rimbambita
C’hai l’occhi che te cascano per tera, più che ‘n vacanza sembri stata ‘n guera
In fonno all’autostrada viene er bello
Tocca fa’ a carci pe’ arrivà ar casello
Kilometri de coda passo, passo
Co’ chi ce prova pure a fa’ er sorpasso
Guardatte intorno, cerca fra sta gente quarcuno co’ lo sguardo intelligente
Chi dorme sur volante, chi sbadija, chi litiga co’ tutta la famija
Ah, Stasera dico basta a ‘sta caciara
Quanno ritornerò venerdì sera vojo magnà tranquillo a casa mia
E annà a dormi’, pure si tu vai via
Io mica te proibisco de partire, ognuno po’ fa’ quello che je pare
Pe’ me ‘sto viaggio è l’ultimo strapazzo, tu e la montagna m’ate rotto…

Franco Califano, dall’album “Tutto il resto è noia” 1976

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *