Roma Sparita - Pupo biondo Roma Sparita - Pupo biondo

Pupo biondo


Ciànno forse tutt’e due l’istessa età,
je fiorisce drento ar core un’illusione
e ‘gni vicolo anniscosto ce la sa
tutta quanta la passione.
Lui je cerca la boccuccia ch’è un biggiù
e in un bacio je sussurra a tu-per-tu:

Noi ciavremo ‘na loggetta
cor geranio e le pansè,
tu sarai la regginetta
io me ‘mpegno a fa’ da re.
Regneremo in tutt’er monno
e a l’erede pensa te:
vojo un pupo, un pupo bionno,
p’anninnallo in braccio a me.

Va a la guera la più bella gioventù,
‘gni fanfara s’arisveja e squilla ardita
e lui puro canta allegro e va lassù
Lei cià in seno n’antra vita
e si pensa ar pupo bionno che vierà,
se l’insogna e ce se mette a raggionà:

Quanno arivi pupo bello
mamma tua te fa trovà
l’abbituccio turchinello
tutto pieno de volà.
Mentre un passero cinguetta
e er geranio fiorirà,
aspettamo alla loggetta er ritorno de papà.

Mamma cuce, er pupo compita “papà”
E guidato da quer trillo, viè un sordato,
a tastoni, come un cieco, chi sarà?
E’ papà, ch’è ritornato!
Se confonneno in un bacio tutt’e tre,
poi papà se strigne er pupo e vò sapé:

Pupo, ciài er visetto tonno,
un visetto ch’è un biggiù;
come sei, moretto o bionno,
ciài l’occhioni neri o blu?
Te lo chiedo un’antra vorta,
pupo mio, dimmelo tu…
perché mamma nun s’è accorta
che papà nun vede più.

Brano del 1927 cantato da Miscel (al secolo Michele Cimato) e riproposto negli anni da molti cantanti e attori romani
Autore del testo Mario Fagiolo e per la musica Fortunato Lay
Canzone premiata con Medaglia d’oro di S.E. il Governatore di Roma (dal catalogo Columbia Dicembre 1930)riproposto negli anni da molti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *