Roma Sparita - Anna Magnani (7 marzo 1908 - 26 settembre 1973) Roma Sparita - Anna Magnani (7 marzo 1908 - 26 settembre 1973)

Anna Magnani (7 marzo 1908 – 26 settembre 1973)


Poesia di Lando Fiorini dedicata ad Anna Magnani

Che pace, che silenzio che ce stava
Nella piazzetta appena fòri mano
Coi raggi della luna sopra i tetti
Parevano d’argento pure i gatti

All’improvviso come ‘na gran luce
Illuminò de fòco tutto er cielo
Poi vidi che ‘na donna era atterrata
Avvolta in una nuvola dorata

S’avvicinò e me pijò la mano
Poi fece: “Ao, ma che non sei romano?”
Su, guardeme ‘n po’, che non m’ariconoschi?
Non te ricordi i firm romaneschi?
Me pare de sogna’, sei proprio quella

Ma sì, te riconosco, Nannarella
Ma tu non eri ‘n angelo der cielo?
No, nun me pare vero eppure è vero
Ma come hai fatto a ritorna’ tra noi?

“Ce so’ riuscita”, fece Nannarella
Un’ora de permesso m’hanno dato
Pure San Pietro ce s’è scomodato

Ma m’era presa tanta nostargia
De rivede’ pe’ ‘n’ora Roma mia
Che senza Roma, co’ tutto er Padreterno
Er paradiso po’ sembra ‘n inferno

Mo’ vojo anna’ su ar Pincio poi a Testaccio
Sali’ sur tram e scenne a Portonaccio
Fermamme pe’ ‘n pochetto nei giardini
Pe’ risenti’ strilla’ i regazzini

Io la guardai e je dissi
Carma, carma, Nannare’, le cose so’ cambiate
Mo’ scippeno, mo’ strippeno pe’ niente
Mo’ spareno ner mezzo della gente

Mo’ c’è la droga, er sesso nella scola
Mo’ fumano l’hashish pe’ la strada
“Non rattristamme”, disse Nannarella
Famme pensa’ che Roma è sempre quella

Così dicenno se ne volò via
Pe’ riguardasse ancora Roma sua
E se n’annò pe’ i vicoli der centro
Bussò per ogni casa, c’entrò dentro
E disse forte a quelli che ce stanno
Non ve n’ annate mai, m’arriccomanno

‘Ste case intonacate dar passato
Non le rifate de cemento armato
Senza li tetti pieni de colori
Che pònno più dipinge li pittori?

Quanno tornò da me ‘na campanella sonò dieci rintocchi
E Nannarella s’avvolse nella nuvola dorata
M’abbraccicò e disse: “‘N po’ accorata”
Oh li mortacci, non me pare vero
L’ora è passata, devo torna’ in cielo

Ma dopo che ho rivisto Roma a sera
Er paradiso lo lascio sulla tera
E c’hai ragione, nun te sei sbajata
Malgrado tutto, Roma è sempre quella
E mai potrà scordatte Nannarella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *