Roma Sparita - Er fattaccio der vicolo der Moro Roma Sparita - Er fattaccio der vicolo der Moro

Er fattaccio der vicolo der Moro


Er fattaccio der vicolo der Moro è un monologo scritto nel 1911 da Americo Giuliani interpretato all’epoca da interpretato dall’attore Alfredo Bambi, negli anni riproposto da Romolo Balzani Claudio Villa Elio Pandolfi
Elena Bonelli Adalberto Maria Merli Anastasio, emozionante l’interpretazione di Gigi Proietti

Sor delegato mio nun so un boiaccia. Fateme scioje … v’aricconto tutto…
Quann’ho finito, poi, m’arilegate ma adesso, pè piacere… nun me date
‘st’umijazione dopo tanto strazio…V’aringrazio. (Singhiozza )
Quello ch’ha pubblicato er “Messaggero” sur “fattaccio der vicolo der Moro”,
sor delegato mio è tutto vero. No’ p’avantamme, voi ce lo sapete, so’ stato sempre
amante der lavoro; è giusto , che, pè questo, me chiedete, come la mano mia ch’è
sempre avvezza, a maneggià la lima còr martello, co’ tanto sangue freddo e
sicurezza, abbia spaccato er core a mi’ fratello.
Quanno morì mi’ padre ero fanello…annavo ancora a scòla e m’aricordo,
che, benchè morto lui, nder canestrello, la pizza, la ricotta, er pizzutello
nun ce mancava mai. Che, quella santa se faceva pe quattro, e lavorava…
e la marinella, le scarpette, a dì la verità, non ce mancava.
Ho capito. Me dite d’annà ar fatto, un momento… che adesso l’aricconto.
Abitavamio ar vicolo der Moro, io, co’ mi’ madre e mi’ fratello Giggi.
La sera, noi tornamio dar lavoro e la trovamio accanto alla loggetta,
bona, tranquilla, co’ quer viso bianco, che cantava, e faceva la carzetta.
E ce baciava in fronte, e sorrideva e ce baciava ancora e poi cantava…

“ Fior de gaggia io so’ felice co’ vojantri dua. Ar monno nun ce stà chi v’assomija”.

Poi, Giggi se cambiò, se fece amico, co’ li più peggio bulli der rione, lasciò er
lavoro… bazzicò Panico, poi fu proposto pe’ l’ammonizione.
De più, me fu avvisato da la gente, che quanno io nun c’ero, mi’ fratello annava a
casa pe’ fa er prepotente. P’er “ garachè”, l’amichi, l’osteria votava li cassetti der
comò e quer poco, che c’era lì in famija, spariva a mano a mano. Lei però nun
rifiutava… nun diceva gnente…ma nun rideva più… più nun cantava mi’ madre
bella, accanto alla loggetta. La ruta… li garofoli… l’erbetta ch’infioraveno tutto er
barconcino, tutto quanto sfioriva, e se seccava, insieme a mamma che se
consumava. Un giorno feci: a ma’che ve sentite? State male… perchè nun me lo
dite? Nu’ rispose ma fece un gran sospiro e l’occhi je s’empireno de pianto. Nèr
vedella soffri, pur’io soffrivo ma ch’aveva da fa? Chiamai er dottore.Disse che er
male suo era qui “ner core”e che ‘nse fusse presa dispiacere, se ‘n voleva morì de’
crepacore.La stessa sera vorsi parlà co’ Giggi, lo trovai, e feci : a Gi ‘, mamma sta
male assai…nun me la fa morì de dispiacere…je voio troppo bene… e tu lo sai,che si
morisse, embè… che t’ho da dì? sarebbe come er core se spezzasse.
Mentre lei guarirebbe si tornasse er tempo de ‘na vorta de quann’ eri bono…
lavoratore… t’aricordi? Giggi me fece ‘na risata in faccia, arzò le spalle e poi me
disse: senti, senza che me stai a fà tanti lamenti, faccio come me pare. E poi de’
resto, se n’te va be’, nun me guardà più in faccia. E me lassò accussì, li sur cantone,
cor còre sfranto. Ritornai da mamma, e la trovai davanti alla Madonna che
pregava, e piagneva. Poverella quanto me fece pena. In quer momento, per
vicoletto scuro e solitario,‘ntesi Giggi cantà, cò n’aria bulla “Fiorin d’argento
accoro mamma e nun m’emborta tanto pè l’occhi tui ci ho perso er sentimento”…
Allora feci : a ma’ se mi’ fratello ritorna a casa pè fa’ er prepotente, ve giuro che
succede ‘no sfragello. No… pè l’amor de Dio, fijetto bello..,Giggi ‘nun è più lui… no,
è ‘na passione…so’ ‘amichi che l’hanno trasportato. Me dette un bacio… la
benedizione e poi, cor viso bianco come cera,pe’ nun piagne, me disse:buonasera.
Ier’ammatina chè successo er fatto, sarà stato che so… verso le sette,me parve de
sentì come ‘na lotta. Mamma diceva: a Gi’… ‘nte compromette co’ tu’ fratello…
damme qui er brillocco…è l’urtimo ricordo de tu’ padre..e nun t’hai da scordà…
che so’ tu’ madre. E che m’emporta a me, de mi’ fratello?Si vo’ assaggià la punta
der cortello venga puro de quà.’Mbè… fu un momento: sartai dar letto… spalancai
la porta…e me messi de faccia a mi’ fratello, co’ le braccia incrociate sopra ar petto.
In quer momento me parve de sentì ‘na cosa calla che saliva in faccia. Poi m’intesi
gelà! Fece:che vòi? Vojo che te ne vai…senza che fai più tanto er prepotente, senza
che me stai a fa’ tanto er bojaccia. Mi’ madre prevedenno la quistione se mise in
mezzo pe’ portà la pace ma Giggi la scanzò co’ ‘no spintone, e poi me fece : a voi
sor santarello ve ce vorà ‘na piccola lezione. E’ appena detto questo, uprì er cortello
e me s’avventò addosso. Mamma se mise immezzo infrattanto che Giggi dà la
botta…io la scanzo… ma… mamma dà ‘no strillo e casca longa longa…Ah…diedi un
urlo de berva e je strillai : a bojaccia infamone scellerato tu m’hai ammazzato
Mamma! Come‘na jena me je buttai addosso e jagguantai la mano… e je strappai
er cortello… Poi vidi tutto rosso…e menai… e menai!
(A teatro si ode il suono delle campane e una voce disperata)
Sarà… mamma che passa. Mamma, Mamma Mia!… Mannateme ar Coeli!

Aggiunta da Loredana Diana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *