Povera Cocca


Ma perché quando c’ho provato
nun ce sei stata?
M’hai lasciato sconfitto e da solo
quella serata,
ideata sortanto pe te,
programmata nei gesti e nei sorrisi
sortanto pe te.

Ero stufo de baciatte sortanto
che voja avevo de statte vicino, del tuo corpo, de te.
Ma perché quando c’ho provato
non ce sei stata?
M’hai lasciato sconfitto e da solo…

…e che d’è quel sorriso amaro
sulle tue labbra?
Se te strigni mentre balli co quello,
si ma, senza rabbia!
Anche tu che non avresti dovuto
cambiare mai,
come tutto e come tutte cambi,
perché lo fai?!

Povera cocca come sei banale,
come si vede che non sai volare,
t’hanno tarpato le ali quanno
dovevi imparare.
Poveri sogni dove andranno a finire?
In questo mondo che non vuole capire, che quest’amore sta affonnanno e noi
restiamo a guardare.

Ma perché quanno c’ho provato
nun ce sei stata?
M’hai lasciato sconfitto e da solo
quella serata.
Ideata sortanto pe te,
programmata nei gesti e nei sorrisi
sortanto pe te.

Povera cocca come sei banale,
come si vede che non sai volare,
t’hanno tarpato le ali quanno
dovevi imparare.
Poveri sogni dove andranno a finire?!
In questo mondo che non vuole capire
che quest’amore stà affondando e noi
restiamo a guardare…

Luciano Rossi – Povera cocca (1976)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.