Pasquale L’infermiere


Pasquale L’infermiere

Mo sei rimasta incinta e te presenti a casa mia pe’ regolà li conti
come se sulla panza avessi scritto che chi ha corpito è stato il sottoscritto.
Nun nego che co’ te feci l’amore, in piedi, in cinquecento, in ascensore
ma allora lavoravi all’ospedale e annavi a letto pure co’ Pasquale..
Pasquale l’infermiere, m’hai capito, quello che je mancava mezzo dito
e che voleva fatte le iniezioni soltanto pe’ levatte li calzoni..
Si fossi certo d’esse er padre vero, sarei pure contento te lo giuro
ma a occhi chiusi rischio bene o male de riconosce er fijo de Pasquale…
e mettila prima ar monno ‘sta creatura, se me somijerà poi sta sicura
te sposo, je do er nome e casa mia ma si somija a lui so cacchi sua…
Ner caso avesse tutto il viso tuo, po esse de Pasquale oppure er mio
e allora pe’ nun fa scoppià er casino, lo dovrai cresce te ‘sto ragazzino.
A modo mio io glie starò vicino, je potrò mette in banca un po’ de grano
crescesse cor carattere che ho io, fo sempre a tempo a dije fijo mio…
Ma si smettesse un giorno de studiare e decidesse de fa’ l’infermiere
je dovrò di’ nel modo più leale
sei ‘n fijo de ‘na mignotta e de Pasquale!

Franco Califano
Album: Tutto il resto è noia 1976

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.