Er lago a ppiazza Navona


Er lago a ppiazza Navona

Tutti li sabbiti e le domeniche d’agosto, s’atturava la chiavica de la funtana de mezzo de piazza Navona, e la piazza ch’era fatta a scesa, s’allagava tutta.
Che bber divertimento!

La mmatina ce s’annava in carozza, o in carettella. Io m’aricordo d’essece ito co’ mmì’ padre a sguazzà’ in de ll’acqua, pe’ ffa’ sciacquà’ le róte infangate de la carozza, quanno aritornamio da le grotte de Testaccio.
La domenica, doppo pranzo poi, in un gran parco piantato sotto ar palazzo Doria, fra er portone e Ssant’Agnesa, c’era la bbanda de li pompieri che ssônava ’na mucchia de sônate p’arillegrà’ la ggente.

Intorno a llago c’ereno ’na quantità dde cocommerari co’ le loro scalette piene de cocommeri che strillaveno: «Curete, pompieri, che vva a ffôco!»

E ppoi mosciarellari, brusculinari, mandolari; regazzini che se pijaveno a spinte e sse bbuttaveno in de ll’acqua; ggente che ppe’ scherzo se la schizzàveno in faccia: urli, strilli, risate da nun dì1, ecco ch’édera2 e’ llago de piazza Navona.

Ricordo in parodia delle feste piscatorie e delle fontanalia. Moltissimi anni orsono, i laghi si facevano anche in via Giulia ed in piazza Farnese.

Da “Usi, costumi e pregiudizi del popolo di Roma” di Luigi Zanazzo
Dipinto di Antonio Joli del XVIII sec
Aggiunta da Loredana Diana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.