Stornellata romana

Nina bella, stasera ‘sto core
sogna e canta felice e contento,
Roma dorme e la luna d’argento,
sorridendo, m’invita a canta’.
A lei piace sentire i stornelli
che l’amore sa sempre intreccia’. Ride la luna,
sospira un core e vola una canzona,
è amore che va in cerca de fortuna.
Fior d’ogni fiore
er fiume passa e l’acqua va ner mare,
stanotte, Nina, è bello a ffa l’amore.

Quante vorte Ninetta m’insogno,
na casetta, du’ cori e un giardino,
n’angioletto che gioca vicino
e ‘na pupa che chiama “Papà”.
Nina è un sogno, un ber sogno d’amore
che pero’ se potrebbe avverra’.

Fiorisce l’uva,
se me dirai de sì, Ninetta mia,
se sposeremo presto tutt’e dua.
Rose e verbene,
l’amore nostro nun c’avrà mai fine
perchè noi se voremo sempre bene.

Stelle dorate,
le gemme de ‘sto core so’ fiorite,
le rose dell’amore so’ sbocciate.
Luna d’argento,
canzona pure tu, se voi, io intanto
stasera so’ felice e son contento!

Carlo Buti – 1935
Autori Ferri – Vacca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.