Io c’avevo ‘na bella Balilla


Io c’avevo ‘na bella Balilla
Foderata de pelle d’anguilla
Mo v’aricconto de come mi è annata
Co’ quattro e quattr’otto me l’hanno smontata

Prima ve dico er mestiere che faccio
So’ er più sverto de tutto Testaccio
Venno la soda, viscipa e sapone
‘Na piotta alla vorta me faccio ‘n vagone

Io vado in giro còr motofurgone
Co’ varecchina, majetta e carbone
Mo c’ho ‘na frega de carte da mille
Vojo compramme ‘na bella Balilla

Lascio la macchina sotto a la porta
M’hanno fregato la rota de scorta
L’ho spostata pe’ ‘n’antra via
E m’hanno sfonnato la carozzeria

Poi c’è mi’ nonno, che c’ha ‘r diabete
S’è magnato tutto er magnete
E a visitallo vie’ fori ‘n dottore
Me se smorfisce er radiatore

Mi cugina che porta l’occhiali
Me s’è fregato li du’ fanali
E ‘na signora lunga e larga
Me s’è fregata la mia bella targa

Un turista bon tempone
Me s’è magnata la frizione
E ‘na faccia da delinguente
Me voleva leva’ la patente

Me se fa incontro mi’ sorella
Che me se pija un pistone e ‘na biella
Poi c’è il regazzo ch’è cento chili
M’ha sfonnato pure li sedili

Se te dico che robba da scemi
Se so’ smorfiti pure li freni
M’è sparito pure ‘r motore
Me sta a veni’ er mar de core

Passa ‘n maschietto co’ du’ regazzine
Me fanno secche le lampadine
Io me c’addanno e a momenti schioppo
Quelli se magneno pure ‘r cruscotto

Poi c’è mi’ zia Carolina
Me s’è bevuta la benzina
Tutta quanta in un momento
Dentr’ar tubo de scappamento

Io ce l’avevo ‘na bella Balilla
Foderata de pelle d’anguilla
Mo de ‘sto ber mio macchinone
Me c’è rimasto solo ‘n bollone

Alvaro Amici
Versione in romanesco del testo originale, in milanese, di Giorgio Gaber

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.