Roma Sparita - Bolla de Sapone

Bolla de Sapone

Lo sai ched’è la Bolla de Sapone?
L’astuccio trasparente d’un sospiro.
Uscita da la canna vola in giro,
sballottolata senza direzzione,
pe’ fasse cunnolà, come se sia
dall’aria stessa che la porta via.

Una Farfalla bianca, un certo giorno,
ner vede quela palla cristallina
che rispecchiava come una vetrina
j’agnede incontro e la chiamò: “Sorella,
fammete rimirà! Quanto sei bella!

Er cielo, er mare, l’arberi, li fiori
pare che t’accompagnino ner volo:
e mentre te rubbi, in un momento solo,
tutte le luci e tutti li colori,
te godi er monno e te ne vai tranquilla
ner sole che sbrilluccica e sfavilla.”

Lo sai ched’è la Bolla de Sapone?
L’astuccio trasparente d’un sospiro.
Uscita da la canna vola in giro,
sballottolata senza direzzione,
pe’ fasse cunnolà, come se sia
dall’aria stessa che la porta via.

Una Farfalla bianca, un certo giorno,
ner vede quela palla cristallina
che rispecchiava come una vetrina
j’agnede incontro e la chiamò: “Sorella,
fammete rimirà! Quanto sei bella!

Er cielo, er mare, l’arberi, li fiori
pare che t’accompagnino ner volo:
e mentre te rubbi, in un momento solo,
tutte le luci e tutti li colori,
te godi er monno e te ne vai tranquilla
ner sole che sbrilluccica e sfavilla.”

La Bolla de Sapone je rispose:
“So bella, sì, ma duro troppo poco.
La vita mia, che nasce per un gioco
come la maggior parte delle cose,
sta chiusa in una goccia…Tutto quanto
finisce in una lagrima de pianto.

Trilussa, 1922

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *