Roma Sparita - Er ventre de vacca o pe' capisse mejo er Parlamento

Er ventre de vacca o pe’ capisse mejo er Parlamento


I.
Er deputato appena è deputato
pensa subbito a fasse un portafojo
e p’avello, ce sii qualunque scojo,
nu’ la pianta finché nu’ l’ha spuntato.

Si è un somaro, allora sta ingoffato
davanti a chi guverna e l’ogne d’ojo;
si è dotto je comincia a dà cordojo
finché nu’ l’ha sbattuto e aribbartato,

Tutti l’istessi so’, destri e sinistri;
er gioco sta ne’ ribbartà er guverno
p’annacce loro e diventà ministri.

Arivati a succhiasse quela manna,
siccome quella pacchia nun è eterna,
fanno; “Mo, panza mia, fatte capanna!”

II.
E voi v’erivo creso pe’ davero
che quanno ar Parlamento c’è buriana
quella razza de gente cispatana
facci a botte sur serio? sì lallero!

Magaraddio ‘sto pisto fussi vero,
nun basterebbe la nettezza urbana
a caricà e scopà de quella tana
li morti pe’ portalli ar cimitero!

So’ gente quella de cert’armi armate
che a volello ‘na cosa che je secchi
potrebbero davero fà a scornate.

E allora si che pisto e che scompijo!
(perché de certo lì tutti so’ becchi,
puro li prisidenti der consijo!)

Poesie romanesche, Giggi Zanazzo

4 Responses

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *