Roma Sparita - Barcarolo Romano

Barcarolo Romano


Quanta pena stasera c’è sur fiume che fiotta così
disgraziato chi sogna e chi spera tutti ar monno dovemo soffrì
ma si un’anima cerca la pace pò trovalla sortanto che qui…

Er barcarolo và contro corente e quanno canta l’eco s’arisente
dice: si è vero che tu dai la pace fiume affatato nun me la negà

più d’un mese è passato che una sera je dissi – Ninè,
quest’amore è ormai tramontato.. lei rispose – lo vedo da me..
sospirò poi me disse – addio amore, io però nun me scordo de te…

Je corsi appresso ma.. nun l’arivai, la cerco ancora e nun la trovo mai
si è vero, o fiume che tu dai la pace me sò pentito, fammela trovà

proprio incontro ar battello vedo un’ombra sull’acqua, viè in quà
s’ariggira che c’è un mulinello poi và sotto e ariassomma più in là
voga… presto… è ‘na donna affogata poveraccia penava… chissà?

La luna da lassù fà capoccella rischiara er viso de Ninetta bella
me chiese pace e io je l’ho negata fiume bojaccia je l’hai data tu!

me vojo sperde giù solo pè fiume così chi t’ama more assieme a te!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *