Roma Sparita - Roma Sparita

Roma Sparita

Che t’hanno fatto? Dimme chi è stato
A fatte spari’ dar giorno alla notte!
Er volto che avevi te s’è deturpato
Come se er tempo t’ha dato le botte…

T’ho sempre cercato dentr’e poesie
Trovando in un verso er particolare
Pe’ famme porta’ in fondo a que’ vie
Che costa fatica ormai ricordare…

T’ho vista ‘n testi e firm neorealisti
Semplice e chiara, come la gente
T’ho vista raccolta ‘ntorno ad artisti
E ar popolo tuo, felice co’ niente…

Poi t’ho cercato in tanti racconti
De chi t’ha vissuto in tempi passati
De chi conosceva bene quei ponti
Prima che fossero poi illuminati

E t’ho ritrovata, viva ed eterna
Come se niente fosse accaduto
Er sole sortanto a te te governa
Nuda e gajarda t’ha mantenuto

Dimme ‘na cosa, Roma mia bella
Quanto te manca er tempo che fu?
Quanno bastava ‘na fontanella
Pe’ fatte più fresca e tiratte su…

Mo te riscopro in foto sbiadite
Scorci e ricordi tornano in vita
Nella memoria strade infinite…
Sento che ‘n fondo ‘n sei mai sparita!

Componimento originale di Inumi Laconico dei Poeti der Trullo, 2012

4 Responses

  1. Sì,Roma mia bella,come dice questo poeta, non sei sparita,sei sempre nei nostri cuori così come ti abbiamo conosciuta.

  2. Ninetto ha detto:

    Piazza manna dei Monti in alto a sinistra si vede l’entrata della scuola Angelo Mai t.enuto dai preti Carissimi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *