Roma Sparita - Er Vento e la Nuvola

Er Vento e la Nuvola


Una Nuvola nera disse ar Vento:
“Damme un appuntamento
perchè stanotte ho da coprì la Luna”.
“E indove vòi che venga?””Verso l’una
dietro ar campanile der convento.
Se tratta de questioni delicate:”
disse piano la Nuvola “ho scoperto
un buggerìo de coppie innamorate
che la notte se baceno a l’aperto.
E’ un’immoralità
che proprio nun me va!”

“Quanto sei scema, Nuvoletta mia!”
je fece er Vento “Vòi coprì l’amore,
ch’è la cosa più bella che ce sia,
e lasci allo sbarajo tanta gente
che s’odia e che se scanna inutirmente!
Guarda infatti, laggiù. Li vedi quelli
he stanno a liticà su la piazzetta?
J’abbasta l’aria d’una canzonetta
pe’ faje mette mano a li cortelli,
senza manco pensà che so’ fratelli
e che cianno una madre che l’aspetta!”

La Nuvoletta, ner vedè la scena,
sbottò in un pianto, fece uno sgrulone
e fracicò un filosofo cojone
che stava a rimirà la luna piena.
“So le stelle che sputeno sur monno!
dise tra sé er filosofo” So’ loro!
Hanno ragione, in fonno!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *