Roma Sparita - Roma de notte...

Roma de notte…

Lungotevere
Roma dorme sognanno, su Castello,
l’Angelo veja pieno de fierezza.
Guarda sto sito indove la bellezza,
pare che sia dipinta cor pennello.

Ruzzica l’acqua ar fiume, e come canto,
che te manna la maggica corrente.
Porta all’orecchio delizziosamente,
note d’amore e parpiti d’incanto.

Un venticello assai assai leggero,
te fa’ casca dall’arbero le foje,
e drento ar core allora me se scioje,
un senso tutto pieno de’ mistero.

Na dama, un vero quadro de’ dolore,
cammina in sù e giù cor viso bianco,
cammina con un passo incerto e stanco,
cercanno chi je compra un pò d’amore.

E Roma dorme, infonno a un vicoletto,
‘na bisca lì a lo scuro se prepara,
a faà ‘na serenata, e pe’ la chitara..
ognuno tiè anniscosto un ber paletto !

Rolando Sciampi

3 Responses

  1. Poesia Roma….nticamente romana

  2. rolando Sciampi ha detto:

    mio Padre Cesare Sciampi amico d’infanzia di Aldo Fabbrizi Poveta e Scrittore in dialetto Romanesco amico di Checco Durante ecc… fondatore di giornali dialettali Rupe Tarpea L’Aquila Romana Romanità e poi capo redattore di vari giornali e Rugantino abitavamo a Piazza Capo di Ferro 23 (Campo de Fiori) sino al 1947 poi alla Garbatella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *