Roma Sparita - L'agnello infurbito

L’agnello infurbito

Lupo e Agnello
Un lupo che beveva in un ruscello
vidde, dall’ antra parte de la riva,
l’ immancabbile Agnello.
-Perché nun venghi qui? – je chiese er Lupo –
L’acqua, in quer punto, é torbida e cattiva
e un porco ce fa spesso er semicupio (1).
Da me, che nun ce bazzica (2) er bestiame,
er ruscelletto è limpido e pulito… –
L’ Agnello disse: – Accetterò l’ invito
quanno avrò sete e tu nun avrai fame.

Trilussa


1 – Semicupio, mezzo bagno
2 – Vi frequenta

9 Responses

  1. sempre valido er Trilussa/Salustri

  2. ER LUPO E L’AGNELLO

    Un Agnello, arso da la sete, abbandonò er pecorume
    e così agnede a abbeverasse lungo er fiume.
    Trovanno un Lupo che beveva su’ de sopra in arto,
    er lanuto animale se mise a beve giù da basso.
    Incomminciò a stuzzicà la feroce bestia: fece un sarto
    furmineo e co’ ironia je disse: “Sei propio un asso!
    Perché me intorbidisci l’acqua mentre bevo?”
    L’Abbacchio j’arispose: “Er contrario è semmai:
    viè defatti da te l’acqua che a li sorsi mii avevo!”
    Rincarò er Lupo: “Tre mesi fa’ parlasti male de me”.
    Er mite Agnello replicò: “Mai eppoi mai!
    Nun essenno ancora nato come facevo a sparlà de te?”
    Er Lupo: “Allora sarà stato tu’ padre” e lo sbranò,
    e così la legge der più forte co’r pretesto trionfò.
    ‘Sta favola è stata scritta pe’ chi opprime l’innocente
    chè la raggione, vera o fasulla, se l’inventa nella mente.

  3. quasi quasi mi vergogno di mettere questi miei versi accanto a quelli del grande trilussa

  4. e già non fidarsi mai delle lusinghe!

  5. SANDRO BOCCIA…E’ BELLISSIMA!!!!

  6. sandro boccia ha detto:

    ER LUPO E ER CAPRETTO

    “Mer ne frego de la creanza e perciò nun te rispetto.
    E’ legge de natura quella der più forte!”
    disse un giorno un Lupo a un giovane Capretto.
    Je zompò addosso e je fece fa’ ‘na brutta sorte.
    Quanno ben sazio stava all’urtimo boccone
    er Lupo pijò ‘na bona decisione:
    “Basta d’ora in innanzi nun farò più l’infame
    anche se me sarà difficile quanno ritornerà la fame!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *