Roma Sparita - Er seconno diluvio - Checco Durante

Er seconno diluvio – Checco Durante

diluvio
Er Padreterno, ner vedè la gente,
che, invece de campà tranquillamente
co ’na vita de pace e de lavoro,
s’ammazzaveno sempre fra de loro
fece chiamà San Pietro e je fa, dice:
– L’omo è un ingrato e dà solo amarezza!
Quello che ho fatto perché sia felice,
invece de godello lo disprezza;
ma nun so’ tipo io da famme sfotte,
faje un antro diluvio e bonanotte.
Ma un diluvio completo, senza l’arca,
senza le coppie e senza er patriarca. –

San Pietro, poveraccio, tanto bono,
cercava de carmallo: – Nu’ lo fa!
Pe’ ’sta vorta concedeje er perdono,
vedrai… se cambierà… –

– No… nun se cambia… è inutile che speri!
Da quanno che j’ho dato l’esistenza
Num m’ha saputo dà che dispiaceri,
m’ha fatto perde sempre la pazienza.
Co’ ’sta razzaccia l’acqua è puro poco…
Nun merita pietà, nun po’ fa pena,
dovrei fa piove foco…
Pietro, ubbidisci… tira la catena.

San Pietro, senza più poté discore,
dové ubbidì sippuro a malincore;
però, de sotterfuggio,
fece annisconne un omo in un rifuggio.
Doppo un mese se volle levà er gusto
D’annallo a visità,
ma prima d’arivà sentì un trambusto
come gente che stasse a litigà.
– Chi è che fa caciara a ’sta maniera? –
Annò pe’ vede ma restò perplesso
Perché trovò, davanti a ’na specchiera,
l’omo che litigava co’ se stesso.

– Signore mio, Signore Onnipotente,
dicevi giusto: nun c’è da fa gnente!
E io co’ tanto zelo
Lo difennevo, me pijavo pena!…
Tornò de corsa in cielo
E giù ’n’antra tirata de catena.

E se dice che abbia borbottato:
– L’hai voluta da te… mor’ammazzato!

da: Checco Durante, “I miei ricordi – Le mie poesie” Ediz. Don Guanella, 1969.

7 Responses

  1. Bellissima e vera! M’aspettavo un finale tipo: … abbia borbottato” non si da da acqua, ma per monnezzaro”.

  2. Non c’è bisogno di commento, è così!

  3. Io mi ricordo di checco era stupendo pieno di poesia

  4. Checco Durante un vero romano, poeta e attore.

  5. È il patrimonio della cultura popolare della mia città.

  6. Avatar Roberto Dolfini ha detto:

    Conosco fin da bambino le poesie di Checco Durante. Era un caro amico di mio nonno Giovanni erano vecchi compagni di teatro. Quando presentò la raccolta di poesie chiamate”Acquerelli” una copia la regalò a mio nonno con una dedica al caro amico Giovanni. Indimenticabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *