Roma Sparita - La callarostara

La callarostara


La callarostara

E mo ch’er freddo incarza e la staggione
se porta appresso l’acqua, er gelo, er vento,
te vedo n’artravorta sur cantone
co tutto quanto er solito armamento.
Quanto lavori, accosto a quer focone
tu nun te fermi manco pe’ un momento
sventoli, attasti, smovi er padellone
che coce le castagne a foco lento.
Povera vecchia Sei così aggrazziata,
che quanno che te passo da vicino,
me fermo pe’compranne ‘na manciata.
E tu me capi sempre le più belle.
Io imbocco l’osteria,
me fo un quartino,
tramezzo a tante cocce scrocchiarelle.

Amilcare Pettinelli 1967

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *