Roma Sparita - Via dell'Orso

Via dell’Orso


Legata a un filo, arta
sopra a li tetti – e come arubba un’accia
ar gnommero, più arta –
una stella de carta
empie er celo de Ponte.
Ho corso via de Monte
Brianzo – uno sperduto su la traccia
d’un filo teso – ho corso
vicolo der Leùto
e sbocco finarmente a via dell’Orso.
Una via stretta, una via scura – appena
fra tetto e tetto un lume
de sole – una via sbiega:
ma fiume è a un passo, e fiume
entra co una frescura
de canne smosse e co un frùscio de rena.
Mia, la casa ar cantone:
nell’unica bottega
dura ancora er fiatone de la sega.
Mia, sopra a lo scalino, e ancora chiara,
l’impronta d’un piedino.
Mia, la stella de carta:
a fatica se stacca da la via;
ma come sfiora un tetto, come odora
er celo, ce s’affiara.
Dove so’ nato io, dove ho giocato
io, su l’istesse scaje de serciato,
gioca tu pure.
Ecco la stella, daje
tutto er filo che chiede
e come cede ar vento, daje er fiato.
Ma tu sei un regazzino
fermo, inchiodato a terra, senza un gioco,
senza uno strillo – impresso
er male addosso a foco –
er piedino, er ginocchio, sì, perfino
er core carcerato dentro ar gesso.
Odio li regazzini,
tutti li regazzini.
Scatenati dar trillo d’un fischietto
su una palla de stracci.
Tu, preso ar laccio: tu, stretto da un laccio
e più stretto a ogni strillo – gol! – più stretto.
E più de tutti odio un regazzino
lontano: er regazzino
felice, chiuso dentro a me, sperduto
dentro a me, ritrovato
ar cantone dell’Orso cor Leùto
e libbero de corre sur serciato.
C’era un frùscio de rena, una frescura
de canne smosse. Qui,
un’intruppata de palazzi attura
er fiume, e via dell’Orso torna piena
d’ombra, stretta, attufata.
Sì, resta un filo teso
ar celo: resta uno sbarbajo acceso
sopra a Ponte; ma er celo
è impastato de gelo,
è un marmo siggillato.
Come un’ortica strappo a le radice,
dentro a me, un regazzino
lontano, un regazzino
felice. È fermo adesso:
è inchiodato per terra come te:
è carcerato come te ner gesso.
Legata a un filo, arta,
una stella de carta
empie er celo de Ponte.
Prima che lascio via dell’Orso e infilo
via de Monte Brianzo, spezzo er filo
a la stella de carta.

Mario dell’Arco
1959

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *