Roma Sparita - La Scala Santa Roma Sparita - La Scala Santa

La Scala Santa


La Scala Santa
In de la cappèlla granne de la Scala Santa, si guardate per aria a ddritta de l’artare maggiore, vvédéréte du’ ferate indorate.
Mbé llì ddreto, da ssì ch’er mònno è mmònno, ce stanno rinchiusi li profeti ‘Nocche e Llia (Enoch ed Elia).
Gnisuno cià ppotuto mai védécce drento, perché cchi ss’ azzarda da entracce, môre subbito, môre.
Anzi un papa che cc’ebbe l’arditanzia de guardacce drento, ammalapena ce provò arimase cèco. E si nun era papa sarebbe morto de nétto.
Dice che queli du’ profeti, Nocche e ‘Llia, staranno chiusi lì ddrento insinenta che ar Signore nu’ je pijerà ll’estro de fa’ vvienì’ la fine der mónno.
Quanno sarà allora usciranno de fôra, e sse metteranno a ppredicà’ e a profetizzà’ ch’er mónno sta ppe’ ffinì’, che bbisogna fa’ ppinitenza e nun bbisogna che li cristiani dieno udienza a ll’Anticristo che ppuro lui in quer frattempo se metterà a predicà’ ppe’ ttutte le piazze.

Giggi Zanazzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *