Roma Sparita - La festa der Cristo Re Roma Sparita - La festa der Cristo Re

La festa der Cristo Re

Cantano, sonano sotto casa mia
e’ l′usanza quando c’e′,
La festa der Cristo Re.

Giocano, corono senza sta’ a penza’,
che da mezzanotte ′n poi
la luce se spegnera′.
bevono, bevono, eccoli la’.
s′e’ ′mbriacata la citta’,
nun solo er quartiere mio.

Spendono, pagheno senza fiata′,
chi ce crederebbe mai
si nun li vedessi io.

Noi pero’ stamo qua,
che scennemo a fa’,
si de beve nun ce va
e manco de festeggia′.
semo noi, solo noi l′unici de qui
che nun se so detti mai
“Annamose’ a diverti′”.

Stamo sur barcone a guarda’ giu′
come fanno l’artri a vive mejo de noi.
Pregano, pregano le vecchie pie,
se dira′ ‘n rosario in piu’
nell′angoli delle vie.

Pregano, pregano pure pe′ chi
nun c’ha tempo de prega′
o nun ha pregato mai.

Noi continuamo a sbadija’,
orse è mejo chiude la finestra e rientra′.
l’allegria, l′allegria sta nella via,
s’allontana sempre piu’
dar giro de casa mia.

L′allegria, l′allegria ritornera’,
illudemose de si, sinno′ che campamo a fa’?

I Vianella – 1972
Autore Franco Califano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *