Roma Sparita - Il Marchese del Grillo Roma Sparita - Il Marchese del Grillo

Il Marchese del Grillo


Scherzo del vespasiano ai danni di un povero commerciante

Marchese: “ Aho avete finito?”
Ricciotto: “ Stanno a finì, vado a vedè se arriva”
Marchese: “ No, No, ancora tutto bagnato, quello se ne accorge.”
Operaio: “ Jeri sera qui ce stava ‘na bottega! il muro è fresco…”

Marchese: “ E nun se deve vedè, il padrone se ne accorge, e poi quanno se scherza bisogna esse’ seri, senno che scherzo è!….via fa sparì l’insegna!….’namo sbrigateve,…fate presto…Ricciò.”
Ricciotto: “ sbrigateve! sta arrivà”
Marchese: “ O’ vedi che nun facciamo a tempo…sta arrivà………via …mettete er pisciatore….”

Si mette ad urinare…

Bottegaio: “ Ma…..Aho!….ma che fate?…..”
Marchese: “Ma che stai a guardà?”
Bottegaio: “ ma questa è ‘a bottega mia…!!”
Marchese: “ e questa è ‘a bottega mia, che guardi zozzo! te faccio arrestà! chiamo a guardia puzza via…”
Bottegaio: “ Ma nu’ è via de li banchi vecchi Questa?”
Marchese: “ ‘mbè che a Via de li banchi Vecchi nun se po’ piscià ‘n pace?”
Bottegaio: “ E piscia ‘ndo te pare ma no addosso ar negozio mio!”
Marchese: “ Ah! Ah! aridaje, a ‘mbriaco! qui c’è ‘n vespasiano! Che negozio tuo!”
Bottegaio: “ ma è tutto bagnato?”
Marchese: “ Eh certo c’ho pisciato!”
Bottegaio: “ Ma che…come po’ esse…ieri sera c’era….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *