Roma Sparita - Serenata sincera Roma Sparita - Serenata sincera

Serenata sincera


Rondini
Malinconia de sole
Penso a te
Che nun voi bene a me
Canterò
Nell’aria le parole
E so’ quelle parole
Che nun vorrei sape’
Me dice sempre er core
“Sta’ zitto e nun parla’
Nemica dell’amore
È la sincerità”
Ma quanno tu me guardi
Io nun vorei menti’
Te vojo tanto bene
Ma nun lo posso di’
Pallida
S’affaccia già la luna
Penso a te
Che nun voi bene a me
Perfida
Sei tu come nessuna
Però come nessuna
Te sei legata a me
Me dice sempre er core
“Sta’ zitto e nun parla’
Nemica dell’amore
È la sincerità”
Ma quanno tu me parli
Io nun vorei menti’
Te vojo tanto bene
Ma nun lo posso di’
Ma quanno tu me guardi
Io nun so più menti’
Te vojo tanto bene
E te lo voglio di’

Alfredo Del Pelo 1940 ca
riproposta da Giorgio Consolini Claudio Villa e molti altri negli anni
Autore: Alessandro Derevitsky, Luigi Martelli, Ennio Neri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *