Stornelli romaneschi a dispetto


Parlato:
Claudio: Aò, la volemo finì de cantà alla burina ?
Gabriella: Perchè a lei non piacciono le canzoni in lingua?
Claudio: Ma sì, me piacene, ma stamo a Roma, a Roma stamo, cantamo romanesco!
Gabriella: Ma lei chi è, scusi?
Claudio: Ma come chi so’? Ma come chi so’? ma come chi so’? So’ uno che ce capisce, pe’ piacere, ha capito? Perché io nel 1928..
Gabriella: Già facevi er militare nei granatieri..Perché del resto granatiere viene da Granada..
Claudio: Tierra soñada por mi…, mi canción…e famme cantà!
Gabriella: E no, avevi detto che volevi cantà en romanesco, e mò te servo io: attacca, Pommido’!

Stornellata:

Gabriella: E a canta’ co’ mme, nun te ce mette’
ché so’ la fija de l’ammazzasette.
che so’ la fija de l’ammazzasette
e me te magno er core a fette a fette!
Claudio: Vojo cantà così, quanto sei brutta
Gabriella: (ber moretto lui, gajardo e tosto…)
Claudio: quanno te butti in mare, e l’acqua scappa
Gabriella: (e viegni proprio te, me viegni!)

Claudio:(Viengo lì?)
E quanno te butti in mare, e l’acqua scappa (va’ carica, va’…)
Te ‘nghiotte ‘na balena e t’aributta! Vai, vai!

Gabriella: Vojo canta’ così ,fior de crispigni
li fagioletti mia tu nun li magni

Claudio: (a me, me piaceno li fagioli, figurate!)
Gabriella: li fagioletti mia tu nun li magni,
e drento ar piatto mio tu nun c’intigni

Claudio: (mo’ te faccio vede’ se c’intigno: mo’ c’intigno…)
Vojo cantà così, fiore de nocchia
oddio quanto sei racchia, racchia, racchia!
(nun m’alliscià dietro…)
Oddio quanto sei racchia, racchia, racchia!
(Mettete un po’ de profilo…)
Ciai er naso che te cola inde la scucchia!

Gabriella: ah, ah!
Vojo cantà così, fiore , fiore de zeppo
Ma nun lo vedi, sì, qua… quanto sei tappo?
Ma nun lo vedi, sì, quanto, quanto sei tappo?
Tu’ madre nun ce s’è sprecata troppo!

Claudio: (Nun me tocca’ mi madre, sa’?)
Vojo cantà così, fior de genziana,
(…ciao ‘recchioni!)
Tu canti propio come e ‘na sirena
(eh, aspetta, che “grazie”?)
Tu canti propio come ‘na sirena
(…sembra n’armadio…)
Me pari n’ambulanza quanno sòna!

Insieme:
E così è l’amore che viene e va
Gioia e dolore sempre ci da…

Gabriella Ferri e Claudio Villa
Performance trasmessa dalla RAI nel programma “Dove sta Zazà” (1973)

Aggiunta da Loredana Diana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.