Medicina popolare


Pe’ ttrastullà’ le crature quanno se fanno male.

Avviè’ spesso che le crature, mó ppe’ ’na cosa mó per un’antra, se fanno male. O sbatteno la testina a un tavolino, o una manina, o un piedino, eccetra; o je succede quarch’antra disgrazzia; e sibbè’ cche sii cosa de gnente le sentite strillà’ (speciarmente si sso’ crature smorfiose), come anime addannate.
Allora pe’ ffalle ride e trastullalle je se pija la parte indolenzita, je se strufina sopra co’ la mano, e je se dice:

«Guariscia guariscia (o anche alliscia alliscia),
Er gatto ce piscia
Er gallo cià ppisciato;
È gguarito l’ammalato!»

Luigi Zanazzo
Tratto da “Usi, costumi e pregiudizi del popolo di Roma”
Aggiunta da Loredana Diana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.