Roma Sparita - Li quattro mejo fichi der bigonzo: Tresteverino

Li quattro mejo fichi der bigonzo: Tresteverino


Io, frater caro, sò’ ttresteverino;
e ttutto mé pòi dì’ ffôrché ppidocchio;
quanno facevo er carettiere a vvino,
l’orloggio solo me costava ‘n occhio:

marciavo che pparevo un signorino!
carzoni córti insinent’ar ginocchio,
ggiacchetta de velluto sopraffino,
fibbie d’argento e scarpe co’ lo scrocchio:

er fòngo a ppan de zucchero, infiorato;
un fascione de seta su la panza;
e ar collo un fazzoletto colorato:

portavo tanti anelli d’oro ar deto
e ccatene, che ssenza esaggeranza,
parevo la Madonna de Loreto.

1881, Giggi Zanazzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *