Roma Sparita - Er primo amore

Er primo amore


Fu un venerdì , pe’ Pasqua Befania,
er sei gennaio der novantasei.
“No Checchino, è impossibbile! Tu sei
troppo scocciante co’ ‘sta gelosia!

Nun se capimo più!” me disse lei
“Addio, Checchino…” E se n’agnede via.
Volevo dije: “Caterina mia,
viè qua, nun me lascià!…” Ma non potei!

Tu nun me crederai: da quer momento
m’è arimasta una spina drento ar core:
è più d’un anno e ancora me la sento!

Ne la malinconia de li ricordi
naturalmente resta er primo amore…
Come diavolo vòi che me ne scordi?

Trilussa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *