Giuseppe Gioachino Belli Archivio - Pagina 2 di 3 - Roma Sparita | Storia e Cultura

Tagged: Giuseppe Gioachino Belli

0

La vita dell’Omo

Nove mesi a la puzza: poi in fassciola
tra sbasciucchi, lattime e llagrimoni:
poi p’er laccio, in ner crino, e in vesticciola,
cor torcolo e l’imbraghe pe ccarzoni.

8

Er pranzo de le minente

Mo ssenti er pranzo mio. Ris’e piselli,
allesso de vaccina e gallinaccio,
garofalato, trippa, stufataccio,
e un spido de sarcicce e ffeghetelli.

Poi fritto de carciofoli e ggranelli,
certi ggnocchi da facce er peccataccio,
‘na pizza aricresciuta de lo spaccio,
e un’agreddorce de ciggnale e ucelli.

0

Er noto

Sai? Lo sposo de Mea la lavannara,
Cocco Sferra, quer bravo notatore,
proprio mò sto fiumaccio traditore
je l’ha ffatta tra er Passo e la Leggnara.

Chi ddisce che in ner roppe la fiumara
je pozzi esse arrivato er zangue ar core:
chi ddisce un capoggiro, chi un tremore,

0

Giuseppe Gioachino Belli – Lasciare un monumento

Io ho deliberato di lasciare un monumento di quello che oggi è la plebe di Roma. In lei sta certo un tipo di originalità: e la sua lingua, i suoi concetti, l’indole, il costume, gli usi, le pratiche, i lumi, la credenza, i pregiudizi, le superstizioni, tutto ciò insomma che la riguarda, ritiene un’impronta che assai per avventura si distingue da qualunque altro carattere di popolo. Né Roma è tale, che la plebe di lei non faccia parte di un gran tutto, di una città cioè di sempre solenne ricordanza.

0

L’arte der campà auffa

Nina, sai c’hai da fà? bbuttete addosso
presto-presto quer cencio de mantijja,
e vva’ a bbussà dda la sora Scescijja,
che inzin’a ggiuveddí mm’impresti un grosso.

Sí nun ce trovi lei, dillo a la fijja,
e cche ssei ita tu perch’io nun posso,
ché cciò un dolore cqui ddrent’in un osso
che mme fa spasimà cquanno me pijja.

0

Li quadrini sudati

A cchi avemo ggià dato er momoriale?
Ripassamo un po’ er conto, fijja mia.
A li Bbrevi, in Consurta, in Dataria,
ar Papa, ar cumputista cammerale,

a li Sussidî, in Limosinaria,
ar prelato che ffanno cardinale,
ar Vicario, a l’impresa, a ddon Pasquale
pe li spojji e cquell’antra Opera-pia…

0

Er Caffettiere Filosofo

L’ommini de sto monno sò ll’istesso
Che vvaghi de caffè nner mascinino:
C’uno prima, uno doppo, e un antro appresso,
Tutti cuanti però vvanno a un distino.

Spesso muteno sito, e ccaccia spesso
Er vago grosso er vago piccinino,
E ss’incarzeno, tutti in zu l’ingresso
Der ferro che li sfraggne in porverino.

0

Er mercato de Piazza Navona

Ch’er mercordì a mmercato, ggente mie,
Sce ssiino ferravecchi e scatolari,
Rigattieri, spazzini, bbicchierari,
Stracciaroli e ttant’antre marcanzie,

Nun c’è ggnente da dì. Ma ste scanzie
Da libbri, e sti libbracci, e sti libbrari,
Che cce vienghen’a ffà? ccosa sc’impari
Da tanti libbri e ttante libbrarie?

0

La vita dell’Omo

Nove mesi a la puzza: poi in fassciola
tra sbasciucchi, lattime e llagrimoni:
poi p’er laccio, in ner crino, e in vesticciola,
cor torcolo e l’imbraghe pe ccarzoni.

Poi comincia er tormento de la scola,
l’abbeccé, le frustate, li ggeloni,
la rosalia, la cacca a la ssediola,
e un po’ de scarlattina e vvormijjoni.

0

Er bon governo

Un bon governo, fijji, nun è cquello
che vv’abbotta l’orecchie in zempiterno
de visscere pietose e ccor paterno:
puro er lupo s’ammaschera da aggnello.

Nun ve fate confonne: un bon governo
se sta zzitto e ssoccorre er poverello.
Er restante, fijjoli, è ttutt’orpello
pe accecà ll’occhi e ccomparì a l’isterno.